Lingue

Inizia qui il tuo viaggio

Inserisci il nome del porto o la località da cui desideri partire per pianificare il tuo viaggio

Accesso utente

Or log in with...

San Giovanni Suergiu

San Giovanni Suergiu

Veduta aerea di San Giovanni Suergiu

San Giovanni Suergiu, centro della pianura del Basso Sulcis,  è nato dalla progressiva unione di numerosi singoli insediamenti abitativi sparsi denominati "furriadroxius", che in origine erano rifugi per bestiame e pastori. Oggi il comune è costituito da quattro centri principali: San Giovanni, Palmas, Matzaccara e Is Urigus e una sessantina di centri abitati di piccole dimensioni, noti come "medaus". La storia urbana del suo territorio è però molto più antica. Infatti nel IX secolo il centro di Villa di Palmas ebbe un forte sviluppo, favorito dall'abbandono delle città di Bithia e Sulci. Nell'XI secolo il paese entrò a far parte del giudicato di Cagliari, per passare poi nel secolo successivo ai conti della Gherardesca. Il paese a causa delle continue incursioni saracene venne abbandonato nel XVI secolo e nuovamente ripopolato nel XVII.
 
La presenza umana nel territorio di San Giovanni Suergiu è attestata sin dal Neolitico Recente, epoca cui si ascrive la realizzazione dell'interessante necropoli di Is Loccis Santus. Punteggiano la regione numerosi nuraghi, tra cui l'imponente costruzione di Craminalana, e diverse tombe di giganti e pozzi sacri. Nel centro storico di San Giovanni si trovano i ruderi della chiesa romanica dedicata a S. Giovanni, parrocchiale fino al 1936.
 
Il centro urbano di Palmas venne abbandonato nel 1962 a causa delle infiltrazioni d’acqua dovute alla vicina diga di Monte Pranu e trasferito in un paese di nuova costruzione, così com’è poi avvenuto anche per Villarios e Tratalias. Oggi dell'antica Palmas sono visibili i ruderi del castello giudicale e, nei pressi della SS 195, la chiesetta romanica di S. Maria. Non lontano dal paese, negli stagni di S. Antioco e di Porto Botte è possibile osservare una notevole varietà di specie vegetali palustri e uccelli acquatici, tra cui fenicotteri e aironi. La manifestazione più importante del paese è indubbiamente la festa in onore del santo patrono, San Giovanni Battista, il 24 giugno. Ulteriori festeggiamenti, sempre accompagnati da manifestazioni civili, il 29 agosto. Durante la festa si vendono e si possono assaggiare gustosi dolci tradizionali come i "piricchittus" ed i "pistoccus de crobi".

Aggiungi a itinerario
add_to_x_block: 

In prossimità

Itinerari

Isola di Sant'Antioco, Spiaggia di Cala Francese
No votes yet

Le bellezze archeologiche della costa sud ovest della Sardegna nella pro

Sant'Anna Arresi, le dune di Porto Pino
Average: 3 (1 voto)
Average: 1.5 (2 voti)
Arbus, marina di Scivu
No votes yet
Le collezioni del Museo
Average: 1 (1 voto)
Dettaglio della facciata
Average: 1.5 (2 voti)