Lingue

Inizia qui il tuo viaggio

Inserisci il nome del porto o la località da cui desideri partire per pianificare il tuo viaggio

Accesso utente

Or log in with...

Tratalias

Tratalias

Tratalias, chiesa di Santa Maria

Non si hanno notizie certe sulla data effettiva di nascita del paese: è molto probabile che Tratalias sia sorto intorno all'anno Mille, quando monaci e mercanti arrivarono nell'isola facendo fiorire nuove attività e comunità. Il territorio fu, comunque, abitato sin dal periodo nuragico, come testimoniano i numerosi nuraghi presenti e soprattutto l'imponente complesso nuragico di Is Meurras. Nel Medioevo Tratalìas visse il periodo di massimo splendore, che durò fino al XIV secolo; era infatti il centro più importante della curatoria del Sulcis, sede della diocesi sulcitana. Nel 1323 Don Alfonso d'Aragona sbarcò nel golfo di Palmas, iniziò così la presenza spagnola in Sardegna che si protrarrà fino al 1720. Nel medioevo era il centro più importante del Sulcis: in tempi recenti la formazione del vicino invaso di Monte Pranu ha provocato gravi dissesti nell'antico paese, che è attualmente disabitato, e ha portato alla costruzione di una nuova Tratalìas con interessanti forme urbanistiche, caratterizzate da case indipendenti con ampi giardini, e con grandi aree verdi.
 
Da visitare vi è la cattedrale di Santa Maria, in stile romanico pisano. Consacrata nel 1213, presenta una facciata divisa orizzontalmente da una cornice ad archetti pensili, sormontata da un rosone. Curioso il timpano da cui sporge l'ultimo tratto della scala d'accesso al tetto. Anche i fianchi e l'abside sono percorsi da lesene ad archetti. All'interno le tre navate sono divise da grossi pilastri a sezione ottagonale. Un retablo datato 1596 è dedicato a San Giovanni Battista e a San Giovanni Evangelista, con al centro la Vergine e il Bambino. Nei pressi della chiesa sono visibili le strutture seicentesche di un Convento (un'iscrizione in spagnolo incisa sul muro del cortile è datata 1655) ora adibite a ufficio turistico e punto di ristoro. La patrona del paese viene festeggiata quaranta gionri dopo la Pasqua, per l'ascensione, con festeggiamenti che durano una settimana. San Biagio invece viene festeggiato il 3 febbraio di ogni anno.

Aggiungi a itinerario
add_to_x_block: 

In prossimità

Itinerari

Isola di Sant'Antioco, Spiaggia di Cala Francese
Average: 3 (1 voto)

Le bellezze archeologiche della costa sud ovest della Sardegna nella pro

Sant'Anna Arresi, le dune di Porto Pino
Average: 3 (3 voti)
Average: 2 (3 voti)
Le collezioni del Museo
Average: 2 (2 voti)
Arbus, marina di Scivu
No votes yet
Dettaglio della facciata
Average: 1.5 (2 voti)