Lingue

Inizia qui il tuo viaggio

Inserisci il nome del porto o la località da cui desideri partire per pianificare il tuo viaggio

Accesso utente

Or log in with...

Muraglia di Monte Ossoni

Muraglia di Monte Ossoni

Immagine non disponibile

Da Castelsardo si percorre la SS 134 dell'Anglona verso Perfugas, sino a Multeddu; si imbocca sulla s. la strada sterrata che risale la collina della "Roccia dei Cacciatori" e si procede entro l'area di rimboschimento forestale per circa km 2, all'estremità E del Monte Ossoni, ove è situata la postazione del servizio antincendi.

Il contesto ambientale
L'area archeologica è situata sulla sommità di un rilievo trachitico tronco-piramidale (m 348 s.l.m.) con ampio dominio visivo sulla vallata sottostante, sulla foce del Coghinas e su un buon tratto di costa a E di Castelsardo.

Descrizione
Il complesso comprende un piccolo villaggio d'altura difeso da una muraglia megalitica, secondo una tipologia insediativa ben documentata durante l'Eneolitico.
La muraglia (lungh. m 60 circa) delimita l'area orientale del pianoro (mq 1.636, 60 di superficie) proteggendone l'unico lato non difeso dalle pareti a strapiombo.
La cortina (alt. max. m 3,45 su tre filari), che si sviluppa con andamento curvilineo e orientamento da NE a SE, è realizzata con blocchi di trachite di notevoli dimensioni e appena sbozzati, posti in opera su filari orizzontali quasi regolari.
Allo stato attuale risulta difficile individuare l'ingresso alla cinta a causa del crollo di buona parte delle strutture; tuttavia, è probabile che l'accesso si aprisse, in posizione facilmente difendibile, in corrispondenza dell'estremità meridionale, a una distanza di appena 6 m dal dirupo.
Il villaggio si estende sia all'interno dell'area delimitata e difesa dalla muraglia sia all'esterno lungo il margine scosceso dell'altura.
Le strutture abitative ubicate all'interno, un tempo individuabili fra la fitta vegetazione arbustiva, non sono state scavate e sono state purtroppo distrutte dalla realizzazione di un edificio del servizio antincendi; anche all'esterno i mezzi meccanici hanno in parte sconvolto e devastato i resti dell'abitato.
Gli scavi condotti dal Moravetti hanno restituito materiale ceramico in prevalenza di cultura Monte Claro e del Vaso campaniforme (Eneolitico evoluto e finale). Il rinvenimento di materiali di cultura Bonnannaro e di età storica attesta una prolungata frequentazione dell'area.

Storia degli scavi
Il sito fu oggetto di uno scavo d'urgenza (condotto nel 1979 da Alberto Moravetti) a seguito dei danni causati alle strutture dai lavori per l'installazione di un ripetitore RAI. Il breve intervento si limitò ad alcuni saggi effettuati a ridosso della parete interna della muraglia.

Bibliografia
A. Moravetti, "Notiziario Sardegna", in [i]Rivista di scienze preistoriche[/i], XXXIV, 1979, pp. 332-334;
P. Melis, [i]La domus dell'Elefante[/i], collana "Sardegna archeologica. Guide e Itinerari", Sassari, Carlo Delfino, 1991, pp. 38-39; A. Moravetti, "Muraglie megalitiche e recinti nella Sardegna prenuragica", in M.S. Balmuth-R.H. Tykot, [i]Sardinian and Aegean chronology: towards the resolution of relative and absolute dating in the Mediterranean[/i], collana "Studies in Sardinian archaeology", Oxford, Oxbow, 1998, pp. 161-178;
A. Moravetti, "Sulle fortificazioni megalitiche della Sardegna preistorica", in [i]Aspetti del megalitismo preistorico[/i], Dolianova, Grafica del Parteolla, 2001, pp. 22-30.

Aggiungi a itinerario
add_to_x_block: 

In prossimità

Itinerari

Alghero, Villa Las Tronas
No votes yet
Alghero, baia e promontorio di Capo Caccia
Average: 3 (1 voto)
Il sito di Aquae Lesitane in una mappa del 1522
No votes yet
Olbia, chiesa di San Simplicio
Average: 1 (2 voti)
Bitti - complesso di Romanzesu
Average: 1 (1 voto)
Olbia, panorama della zona di Porto Istana
No votes yet