Lingue

Inizia qui il tuo viaggio

Inserisci il nome del porto o la località da cui desideri partire per pianificare il tuo viaggio

Accesso utente

Or log in with...

Luras

Luras

Luras, panoramica del paese

Luras, in alta Gallura, si estende su un poggio granitico sull'estremo nord orientale dell'altipiano del Limbara, a 508 m di altitudine, con circa 2.800 abitanti. Un tempo chiamato Villa Lauras o Oppidum Luris, da "lura" (otre) o "laurus" (alloro), le origini vorrebbero il paese come "una delle cinque colonie" che gli Etruschi fondarono sull' Isola dopo l' 862 a.C. oppure fondato da una parte dei 4.000 coloni ebrei deportati in Sardegna dall' Imperatore romano Tiberio nel 19 d.C. Citato per la prima volta nella Carta Pisana del 1300, che elencava tutte le Ville del Giudicato suddivise in Curatorie, Luras era parte della Curatoria di Gemini Josso. Nel periodo giudicale e catalano-aragonese nella zona di Luras sorgevano paesi che furono poi abbandonati in epoche diverse a causa di pestilenze, carestie e incursioni barbaresche; questi erano Silonis, Canaili e Carana.
 
Luras fece parte del Marchesato di Gallura fino al 1839 ed è proprio in questo secolo che raggiunge un certo benessere economico, dovuto allo sviluppo dell’attività commerciale che affiancò quella agricola e che vide i luresi vendere in tutta l’isola, e non solo, i propri manufatti: "berrittas" (antichi copricapi del costume maschile), lana, pelli, lavorati del sughero, del ferro, stoffe, vini, acquavite, formaggi, granaglie. Oggi l'economia è basata sull'agricoltura, sull'allevamento, sulla lavorazione del sughero e del granito e sulla viticoltura. Nel territorio, infatti, si trovano le vigne più estese e forse le meglio coltivate dell'alta Gallura, dalle quali si producono vini apprezzati oltre i confini sardi e nazionali: Vermentino, Moscato ed il famosissimo Nebiolo di Luras. È attiva la Confraternita del Nebiolo, che cura la promozione dei vini e dell’enogastronomia locali.

Aggiungi a itinerario
add_to_x_block: 

In prossimità

Itinerari

Olbia, chiesa di San Simplicio
Average: 1 (2 voti)
Olbia, panorama della zona di Porto Istana
No votes yet
Bitti - complesso di Romanzesu
Average: 1 (1 voto)
Il sito di Aquae Lesitane in una mappa del 1522
No votes yet
Monte Albo e le vallate che lo circondano
No votes yet
Alghero, Villa Las Tronas
No votes yet