Lingue

Inizia qui il tuo viaggio

Inserisci il nome del porto o la località da cui desideri partire per pianificare il tuo viaggio

Accesso utente

Or log in with...

Monte Arcosu

Monte Arcosu

Paesaggio del Monte Arcosu

La riserva naturale di Monte Arcosu si trova nella regione montuosa del sud-ovest della Sardegna e comprende quattromila ettari di montagne selvagge coperte di fitta foresta tipicamente mediterranea. La foresta è conosciuta ed è famosa per il suo simbolo, il cervo sardo, che vive indisturbato tra i suoi fitti boschi. Il comprensorio di Monte Arcosu è stato per lungo tempo una riserva di caccia di proprietà privata, che ospitava un folto e consistente gruppo di cervi. Inizialmente con l'abolizione della riserva di caccia il numero dei cervi diminuì notevolmente a causa del forte aumento del bracconaggio. L'acquisizione di Monte Arcosu da parte del WWF, è avvenuta nel 1984 e l’oasi è stata istituita nel 1985. I comuni che sono compresi nella riserva sono Assemini, Uta, Capoterra e Siliqua. Nel 1995 sono stati acquistati altri settecento ettari nella zona di Monte Lantias che raggiunge i 1086 d'altezza. L'area di Monte Arcosu presenta un gruppo collinare e montuoso omogeneo attraversato dalla vallata del Gutturu Mannu che divide a metà questo sistema montuoso. In tutta l'area si estende un'antica foresta di lecci e sughere che con i suoi quasi 500 quadrati di estensione rappresenta la formazione a macchia più vasta del bacino Mediterraneo. Il Monte Arcosu, che da il nome a tutta l'oasi, è uno dei rilievi più importanti dell'intero massiccio del Sulcis per la spettacolarità dei luoghi e per la presenza di una vegetazione e di una fauna tra le più significative dell'intero territorio regionale. Ha un grande rilievo dal punto di vista paesaggistico ed è caratterizzato da profonde e strette valli che conservano fitti e verdi boschi. Una tipica caratteristica di questo monte è rappresentata dalla cima scistosa a forma di arco, che risulta circondata da graniti. La vegetazione è varia ed interessante. La foresta è prevalentemente costituita da leccio e sughera, il sottobosco è composto da fillirea, lentisco, oleastro, mirto, rosmarino e cisto. Nella zona lungo il Riu Guttureddu, che percorre la valle principale è possibile vedere bellissimi esempi di ontani e salici. La zona oltre ad ospitare bellissimi esemplari di cervo sardo, è conosciuta per la vasta presenza di daini, cinghiali, gatti selvatici, aquile reali e astori sardi. Tra le specie rare presenti non si può dimenticare il falco pellegrino, il discoglosso, endemico della Sardegna, ed una caratteristica farfalla: il "Macaone sardo".

La Riserva dista circa 20 da Cagliari e non è raggiungibile con mezzi pubblici. Arrivando dal capoluogo seguire la 195 per Pula, svoltare dopo 8 per la Dorsale consortile in direzione Macchiareddu - . Da qui imboccare la Seconda Strada Ovest e proseguire fino alla Chiesa campestre di Santa Lucia, superarla e dopo circa 400 , ad un bivio, prendere a destra la strada sterrata che in circa 2 conduce all'ingresso della Riserva in località Sa Canna.

Per informazioni rivolgersi alla Cooperativa "Il Caprifoglio" che gestisce l'area: 070 968714.

Aggiungi a itinerario
add_to_x_block: 

In prossimità

Itinerari

Dettaglio della facciata
Average: 1.5 (2 voti)
Cagliari, cimitero monumentale di Bonaria
No votes yet
Le collezioni del Museo
Average: 1 (1 voto)
Sant'Anna Arresi, le dune di Porto Pino
Average: 3 (2 voti)
Isola di Sant'Antioco, Spiaggia di Cala Francese
No votes yet

Le bellezze archeologiche della costa sud ovest della Sardegna nella pro

Average: 1.5 (2 voti)