Lingue

Inizia qui il tuo viaggio

Inserisci il nome del porto o la località da cui desideri partire per pianificare il tuo viaggio

Accesso utente

Or log in with...

Chiesa di San Saturnino di Usolvisi

Chiesa di San Saturnino di Usolvisi

Bultei, chiesa di San Saturnino di Usolvisi

Si lascia la SS 131 all'altezza di Macomer e si imbocca la 129 percorrendola per circa 15 km. Si gira quindi a s. per imboccare la 128 bis. Superato l'abitato di Anela, dopo pochi km si raggiunge Bultei. Lasciato il paese in direzione di Benetutti, si arriva al sito campestre delle Terme Aurora, dove in un poggio isolato si erge la chiesa.

Il contesto ambientale
L'abitato di Bultei si trova in prossimità del fiume Tirso, nelle vicinanze del sito campestre corrispondente alle terme romane di Aquae Lesitanae. La chiesa di San Saturnino di Usolvisi si erge isolata su un poggio, sulle rovine di un nuraghe, in un'area in agro di Bultei che ha restituito abbondanti reperti archeologici risalenti all'epoca prenuragica.

Descrizione
La chiesa di San Saturnino di Usolvisi deve le sue attrattive non solo alle forme romaniche, caratterizzate da grande essenzialità architettonica, ma anche al valore paesaggistico del sito, nonché all'interesse dell'impianto sulle pietre di crollo di un nuraghe.
La prima notizia del titolo "sancti Saturnini de Usolvisi" risale al 1163, anno in cui fu donato ai monaci camaldolesi da Attone vescovo di Castra. La fabbrica della chiesa si può ascrivere a maestranze operanti attorno alla metà del XII secolo.
La chiesa, ad aula unica, è in cantoni vulcanici provenienti da cave locali. L'abside è orientata a N/E e sormontata da un campanile a vela, forse non in posizione originaria. La facciata, molto lineare, è rinforzata negli spigoli da robuste paraste angolari; al centro si apre il portale con architrave sul quale imposta un arco a sesto rialzato. Lo stesso accade per il portale aperto lateralmente. Due sono le finestre nei fianchi e una nell'abside.

Storia degli studi
Gli studi partono dalla voce "Bultei" di Vittorio Angius, inserita nel "Dizionario" del Casalis (1834), procedendo con i contributi di Dionigi Scano (1907) e Raffaello Delogu (1953). Del 1985 è l'articolo monografico di Aldo Sari, cui segue la scheda sintetica di Roberto Coroneo nel volume dedicato all'architettura romanica (1993). Infine del 2005 è la trattazione nel volume "Bultei e il suo territorio" di Andrea Fenu.

Bibliografia
V. Angius, "Bultei", in G. Casalis, Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S.M. il Re di Sardegna, II, Torino, G. Maspero, 1834, pp. 691-694;
D. Scano, [i]Storia dell'arte in Sardegna dal XI al XIV secolo[/i], Cagliari-Sassari, Montorsi, 1907, p. 336;
R. Delogu, [i]L'architettura del Medioevo in Sardegna[/i], Roma, La Libreria dello Stato, 1953, p. 146;
G. Zanetti, [i]I Camaldolesi in Sardegna[/i], Cagliari, Fossataro, 1974, pp. 125-129;
A. Sari, "Una chiesa romanica del Goceano: il San Saturnino di Usolvisi", in Sesuja, I, 1985, pp. 121-127;
R. Coroneo, [i]Architettura romanica dalla metà del Mille al primo '300[/i], collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1993, sch. 49;
R. Coroneo, [i]Chiese romaniche della Sardegna. Itinerari turistico-culturali[/i], Cagliari, AV, 2005, pp. 62-63;
A. Fenu, [i]Bultei e il suo territorio[/i], Nuoro, Solinas, 2005.

Aggiungi a itinerario
add_to_x_block: 

In prossimità

  • Benetutti, la chiesa romanica di San Saturnino

    Benetutti è un piccolo centro del Goceano

  • Bultei, chiesa di San Saturnino

    Antico centro agro-pastorale situato ai ma

  • Nule, panorama

    Nule è un piccolo centro

  • Nei comuni di Anela, Bono e Bultei ricade

  • Centro agricolo del Goceano, Botti

  • Albero monumentale della foresta demaniale monte Pisanu - Autore Saba Alessio

    L'Area Protetta di Sos Nibberos si estende

  • I sistemi montuosi della Sardegna, così co

  • Burgos, nuraghe Costa

    Sulle pendici della catena del Goceano ("S

  • Galtellì, Castello Malicas

    Su uno spettacolare altopiano calcareo sor

  • Bultei, pineta di Su Tassu

    La foresta di Fiorentini, nel comune di Bu

  • Esporlatu, panoramica del paese

    Esporlatu è il paese più

  • foresta di monte pisanu

    Come Forest'Anela e Fiorentini, anche Mont

  • Illorai, panorama

    Piccolo paese arroccato sulle montagne del

  • Orotelli, Spighe di Grano

    Orotelli si trova al centro della Sardegna

  • I rossi tetti di Osidda

    Osidda è il più piccolo c

  • Pattada, monte Lerno innevato

    Paese di montagna (quasi 900 m slm), il pi

  • Bolotana, Villa Piercy [foto ufficio stampa Regione]

    Il comune di Bolotana nas

  • Area archeologica di Nughedu San Nicolò

    Nughedu San Nicolò è un p

  • Oniferi, di origine medievale, si affaccia

  • Lollove, Panorama

    Visitare un borgo abbandonato è come fare

  • Ozieri, grotta di San Michele

    La grotta di S.

  • Orani, Opera di Nivola

    Orani è situata nel cuore della Barbagia,

  • Ozieri, veduta del paese

    Ozieri è coronata da folta vegetazione di

  • Orune, fonte sacra di Su Tempiesu

    «E' un paese antico e chiuso, dove permang

  • Buddusò, domus de janas di Ludurru

    Il paese sorge nella parte meridionale del

  • Lei, il pane votivo realizzato in paese
    Lei

    Circondato dalle montagne della catena del

  • Bolotana, cascata di Mularza Noa

    I sistemi montuosi della Sardegna, così co

  • Ottana, Chiesa di San Nicola

    Ottana sorge nella pianura della valle del

  • Protagonista nella prosa di Grazia Deledda

  • Sarule, Monte Gonare

    Sarule è situato ai piedi del monte Gonare

  • Pattada, monte Lerno innevato

    La foresta di Monte Lerno è situata nella

  • Panoramica del paese di Bitti

    Importante centro del nuorese, Bitti si tr

  • I monti di Oliena visti dall'Ortobene

    Il monte Ortobene si erge alle porte della

  • Olzai, Abito Tradizionale

    Olzai è un antico borgo i

  • Mamoida, Domus de Janas Istevene

    Mamoiada, nel cuore della

  • Mores, dolmen Sa Coveccada

    Mores, importante centro

  • La chiesetta di San Pietro di Onanì

    "Tu hai gli occhi azzurri, i piedi e le ma

  • Dualchi, murale nel centro storico

    Il paese di Dualchi è sit

  • Bortigali, Nuraghe Orolo

    Bortigali è situata ai pi

  • Ollolai, Abito Tradizionale

    Ollolai nasce sul monte San Basilio Magno,

  • Bonorva, fonte sacra Su Lumarzu

    Il paese di Bonorva, svil

  • Oliena, Su Gologone

    Oliena sorge alle pendici

  • Gavoi, Lago di Gusana

    Gavoi si trova nel cuore della Barbagia tr

  • Alà dei Sardi, complesso di Nurattolos

    Alà dei Sardi sorge a quasi 700 m slm su u

  • Giave, nuraghe Oes

    Il paese sorge sulla sommità di un altopia

  • Birori, area archeologica

    Birori sorge alle falde d

  • Torralba, nuraghe di Santu Antine

    Torralba è un centro agricolo del territor

  • Lula, Vallata del Monte Albo

    Lula è situata nel cuore della Baronia, al

  • Lodine, Chiesa di San Giorgio Martire

    In prossimità del lago artificiale di Gusa

  • Orgosolo, Processione dell'Assunta

    Orgosolo sorge nel cuore

Itinerari

Il sito di Aquae Lesitane in una mappa del 1522
No votes yet
Bitti - complesso di Romanzesu
Average: 1 (1 voto)
Monte Albo e le vallate che lo circondano
No votes yet
Dorgali, veduta aerea spiaggia di Cala Luna
Average: 1.5 (2 voti)
Olbia, chiesa di San Simplicio
Average: 1 (2 voti)
Baunei, Pedra Longa
Average: 1 (1 voto)