Lingue

Inizia qui il tuo viaggio

Inserisci il nome del porto o la località da cui desideri partire per pianificare il tuo viaggio

Accesso utente

Or log in with...

chiesa di Nostra Signora d'Itria

chiesa di Nostra Signora d'Itria

Orani, chiesa di Nostra Signora d’Itria

Si lascia la SS 131 al bivio per Orani-Orotelli e proseguendo sulla statale si giunge al paese. Lungo la via principale si arriva a una piazzuola sulla quale si affaccia la chiesa della Madonna d'Itria; continuando nel vicolo a pochi metri di distanza si trova la chiesa del Rosario.

Il contesto ambientale
Orani si trova nella Barbagia di Ollollai, più precisamente ai piedi del Monte Gonare (1100 m s.l.m.), tra la piana di Ottana e la catena montuosa del Gennargentu. L'area è ricca di siti archeologici a partire dall'età preistorica. L'odierna configurazione di Orani è frutto dell'unione di due villaggi, quello di San Sisto e quello di Sant'Andrea.

Descrizione
Il culto per la Madonna d'Itria ("Odighitria", che indica la via) risale all'età bizantina ma l'intitolazione non è documentata in Sardegna prima del penultimo decennio del XVII secolo.
In precedenza la chiesa oranese era dedicata a San Giuliano. Dalle ricerche d'archivio risulta che nella prima metà del XVII secolo vi era attivo un cantiere; si registrano infatti molte donazioni di privati destinate a "sa fabbrica".
L'aula mononavata è voltata a botte, con nicchie laterali in cui sono collocate statue lignee, fra cui quella di San Giuliano, di chiara fattura popolaresca e abbondantemente riverniciata. L'arco absidale è a sesto acuto. Il presbiterio leggermente sopraelevato è delimitato da una balaustra marmorea e accoglie l'altare in marmo bianco con inserti rosa. Nella nicchia centrale si trova la statua della Madonna d'Itria secondo la tipica iconografia che la rappresenta con il bambino in braccio e ai lati i due pellegrini inginocchiati. L'opera, di notevole fattura, conserva ancora la decorazione originale a "estofado" ed è databile alla seconda metà del Seicento.
Nella volta a crociera dipinti murali raffigurano angeli e cherubini. Datati alla fine del Seicento, furono forse eseguiti dal capostipite degli Are.
Nella facciata, sormontata da timpano curvilineo, si trovano al centro un piccolo rosone e in asse il portale. Sulla sua superficie Costantino Nivola eseguì nel 1959 una decorazione a graffito, che raffigura la Dea Mater mediterranea, secondo le forme predilette dall'artista oranese.

Storia degli studi
La chiesa è stata studiata soprattutto in relazione ai dipinti murali degli Are, che decorano il presbiterio, e al graffito di Costantino Nivola, che decora la facciata.

Bibliografia
M.G. Scano, [i]Pittura e scultura del '600 e del '700[/i], collana "Storia dell'arte in Sardegna", Nuoro, Ilisso, 1991, sch. 160;
G. Zirottu, [i]Orani[/i], Nuoro, 2000.

Aggiungi a itinerario
add_to_x_block: 

In prossimità

  • Orani, Opera di Nivola

    Orani è situata nel cuore della Barbagia,

  • Protagonista nella prosa di Grazia Deledda

  • Oniferi, di origine medievale, si affaccia

  • Sarule, Monte Gonare

    Sarule è situato ai piedi del monte Gonare

  • Olzai, Abito Tradizionale

    Olzai è un antico borgo i

  • Orotelli, Spighe di Grano

    Orotelli si trova al centro della Sardegna

  • Ollolai, Abito Tradizionale

    Ollolai nasce sul monte San Basilio Magno,

  • Mamoida, Domus de Janas Istevene

    Mamoiada, nel cuore della

  • Gavoi, Lago di Gusana

    Gavoi si trova nel cuore della Barbagia tr

  • Lodine, Chiesa di San Giorgio Martire

    In prossimità del lago artificiale di Gusa

  • Ottana, Chiesa di San Nicola

    Ottana sorge nella pianura della valle del

  • Panoramica del Lago di Gusana

    Il lago di Gusana venne realizzato tra il

  • Orgosolo, Processione dell'Assunta

    Orgosolo sorge nel cuore

  • Fonni, Nuraghe Dronnoro

    Fonni, adagiato sulle pen

  • Ovodda, Sas Fruttinas

    Ovodda sorge nel cuore della Barbagia di O

  • Teti, panoramica del lago di Cucchinadorza

    Il paese di Teti si trova in posizione pan

  • I monti di Oliena visti dall'Ortobene

    Il monte Ortobene si erge alle porte della

  • Lollove, Panorama

    Visitare un borgo abbandonato è come fare

  • Illorai, panorama

    Piccolo paese arroccato sulle montagne del

  • Oliena, Su Gologone

    Oliena sorge alle pendici

  • Tiana, caratteristico ingresso di una vecchia casa

    Disteso sulle pendici orientali del Gennar

  • Bolotana, Villa Piercy [foto ufficio stampa Regione]

    Il comune di Bolotana nas

  • Centro agricolo del Goceano, Botti

  • Austis, Sa Crabarissa

    Austis è immersa nelle montagne del Mandro

  • Fonni, la neve sul Gennargentu

    Cime dalle tonalità argentate modellano il

  • Galtellì, Castello Malicas

    Su uno spettacolare altopiano calcareo sor

  • Burgos, nuraghe Costa

    Sulle pendici della catena del Goceano ("S

  • Esporlatu, panoramica del paese

    Esporlatu è il paese più

  • Benetutti, la chiesa romanica di San Saturnino

    Benetutti è un piccolo centro del Goceano

  • Lei, il pane votivo realizzato in paese
    Lei

    Circondato dalle montagne della catena del

  • Orune, fonte sacra di Su Tempiesu

    «E' un paese antico e chiuso, dove permang

  • Foresta di Montes, panorama - Autore: Chiaramida Antonello

    "…..C'è una regione detta Fontanabona, con

  • Il caratteristico paesaggio del Supramonte di Oliena

    Il Supramonte è un complesso montuoso cara

  • Nule, panorama

    Nule è un piccolo centro

  • Sedilo, Ardia

    Sedilo, situato sull’altopiano di Abbasant

  • Dualchi, murale nel centro storico

    Il paese di Dualchi è sit

  • Territorio di Orgosolo

    Il Supramonte è un complesso montuoso cara

  • Albero monumentale della foresta demaniale monte Pisanu - Autore Saba Alessio

    L'Area Protetta di Sos Nibberos si estende

  • Tonara, Campanacci

    Tonara si trova ai piedi del Monte Mungian

  • Bultei, chiesa di San Saturnino

    Antico centro agro-pastorale situato ai ma

  • La dolina di Su Suercone

    Su Suercone, chiamato anche Su Sellone o S

  • grotta corbeddu oliena

    Il Supramonte di Oliena, altopiano calcare

  • Sorgono, santuario campestre di San Marco

    Sorgono è stato il capoluogo del Mandrolis

  • Nughedu Santa Vittoria, la chiesa gotico-catalana di San Giacomo

    Il piccolo paese di Nughedu Santa

  • Bidonì, chiesa di Santa Maria di Ossolo

    Il piccolo comune sorge nei pressi del Lag

  • Sa Oche e su Bentu

    Nella maestosa valle di Lanaittu, superato

  • Parco del Gennargentu, impressioni d'autunno

    L’area è compresa nei comuni di Aritzo, Ar

  • Sorradile, chiesa di San Sebastiano

    Su un dolce declivio che guarda verso la v

  • Nei comuni di Anela, Bono e Bultei ricade

  • La forza impetuosa delle acque de Su Gologone

    A qualche chilometro dal paese di Oliena,

Itinerari

Il sito di Aquae Lesitane in una mappa del 1522
No votes yet
Bitti - complesso di Romanzesu
Average: 1 (1 voto)
Dorgali, veduta aerea spiaggia di Cala Luna
Average: 1.5 (2 voti)
Monte Albo e le vallate che lo circondano
No votes yet
Ilbono, area archeologica di Scerì
Average: 1 (2 voti)
Baunei, Pedra Longa
Average: 1 (1 voto)