Lingue

Inizia qui il tuo viaggio

Inserisci il nome del porto o la località da cui desideri partire per pianificare il tuo viaggio

Accesso utente

Or log in with...

Simala

Simala

Simala, casa avvocato Massidda

Ai confini col territorio della Marmilla, Simala sorge in una fertile vallata del Campidano di Oristano attraversata dal Rio Mannu, un'area di grande interesse naturalistico all'interno di un paesaggio dolce e molto verde. La formazione dell'attuale centro urbano ebbe inizio probabilmente in età medievale, in seguito allo spopolamento di molte altre ville del territorio circostante per un sito più salubre e meglio collegato alle direttrici viarie principali. In questo periodo il paese faceva parte della curatoria di Parte Montis all'interno del Giudicato di Arborea fino al 1410, per passare poi al Regno catalano-aragonese. Naturalmente il territorio conobbe un'antropizzazione molto più antica, sin dall'epoca neolitica, legata alla presenza in questa regione del Monte Arci, con i suoi preziosissimi giacimenti di ossidiana.
 
Al Neolitico si ascrive un'importante area sacra al confine con i comuni di Masullas e Gonnoscodina, con un menhir centrale. Sono numerosi i resti di epoca nuragica, con una tomba di giganti in località Piscina Craba e diversi nuraghi (Gemussi, Is Canabis de Gemussi, Motroxiu 'e Nigoba, Su Sensu, Serra S'Ollastu, Is Gruxis, Is Putzus, Su Iaccu Longu, Nuracci), alcuni dei quali caratterizzati da una struttura complessa. Anche dopo la conquista romana, avvenuta nel III secolo a.C., il territorio in questione fu fittamente abitato e sfruttato, principalmente a scopo estrattivo. Di questa attività rimangono tracce quali pozzi di lavaggio e residui di fonderia, ma anche una villa rustica (dotata però di pars urbana con un impianto termale mosaicato) nella località di Gemussi. Passava per questa località la strada che collegava in quest'epoca Neapolis e Uselis, ma probabilmente anche la direttrice che partiva da Karalis e attraverso il Campidano raggiungeva Uselis. Il centro storico di Simala, con le sue tipiche abitazioni rurali, è piuttosto ben conservato. I due assi stradali principali si incrociano al centro del paese, nel punto in cui sorgeva e ancora sorge la chiesa parrocchiale. Anticamente in questi pressi era localizzato anche il cimitero e poi tutte le strutture civiche principali, quali il municipio, il monte granatico, l'oratorio del SS. Rosario, la casa parrocchiale e alcune abitazioni padronali particolarmente importanti. Le altre strade sono tortuose e affiancate da case a corte. I loggiati interni sono sostenuti da archi in pietra a tutto sesto o architravi in legno poggianti su pilastri in pietra intorno a cortili acciottolati, originariamente destinati alle tradizionali attività agricole, e talvolta piccoli orti urbani.
 
L'esterno è invece ornato da un portale di ingresso, in alcuni casi monumentale. Si conservano a Simala oltre 50 portali di un certo pregio. Lungo le vie Roma e S. Vitalia sorgono invece alcuni palazzotti signorili, dimora delle famiglie benestanti del paese, improntati per lo più ad uno stile architettonico di ispirazione neoclassica. Il più antico di questi edifici, costruito dalla famiglia dei Monserrat Deana, risale però al 1554, come indica l'epigrafe scolpita sull'architrave d'ingresso. La chiesa parrocchiale di S. Nicola, ricostruita sulla precedente, risale al XVIII secolo. La festa in onore di questo Santo si celebra il 6 dicembre. Nel giorno della vigilia si tiene nella piazza principale del paese una bella festa comunitaria, durante la quale si accende un grande falò e si offrono la castagnata e il vino novello appena spillato. Il primo lunedì di ottobre si celebra invece la festa di Santa Vitalia nella chiesetta campestre intitolata a questa Santa, durante la quale si svolge una sentita processione con numerosi fedeli in costume e cavalieri.

Aggiungi a itinerario
add_to_x_block: 

In prossimità

  • Uno scorcio in lontananza di Gonnoscodina

    Gonnoscodina è un piccolo

  • Pompu, panorama

    Pompu è un piccolo paese

  • Masullas, Piazza Pinna

    Situato all'interno del Parco Regionale de

  • Gonnostramatza, parrocchiale dedicata a San Michele Arcangelo

    Gonnostramatza è un piccolo centro agricol

  • Chiesa di San Vincenzo Martire

    Ai piedi del Monte Arci, in una verde vall

  • Mandorli in fiore ai piedi della Giara di Siddi

    Col termine "giare" si indicano in Sardegn

  • Cattedrale di Ales

    Alle pendici orientali del Monte Arci,

  • Mogoro, chiesa di Sant'Antioco

    Mogoro sorge a 153 m sul livello, nella re

  • Siddi, Chiesa di San Michele

    Siddi si presenta come un

  • Albagiara, casa museo

    Piccolo paese dell'Alta Marmilla (297 abit

  • Sini, ulivo millenario presso il parco giochi

    Situato fra le sinuose curve della Marmill

  • Turri parrocchia S. Sebastiano

    Turri sorge nel cuore della Marmilla piane

  • Pau

    Si trova nel territorio storico della Marm

  • Genuri, la chiesa campestre di San Domino

    Genuri sorge ai piedi del

  • Nuraghe Concali - Collinas

    Collinas sorge nel territorio della Marmil

  • Usellus, panorama del paese

    In un territorio in buona parte collinare

  • Lunamatrona, cupola della chiesa di San Giovanni Battista

    Il paese, situato a un'altitudine di 180 m

  • Villanovaforru, complesso nuragico Genna Maria

    Villanovaforru si trova al centro del sist

  • Uras, chiesa di San Salvatore

    Il territorio di Uras è s

  • Monte Arci

    Il Monte Arci è un massiccio isolato di na

  • Maestro di Castelsardo, particolare del retablo di Tuili

    Tuili è un piccolo centro della Sardegna,

  • Sardara, Villa Diana

    Al centro della fertile pianura del Campid

  • Cavallini della Giara al galoppo

    La riserva naturale della Giara di Gesturi

  • Assolo, panoramica del paese

    Piccolo borgo rurale ai piedi della Giara

  • Sullo sfondo il castello di Las Plassas

    Il paese, che sorge in Marmilla e fa parte

  • Barumini, Su Nuraxi al tramonto

    Barumini è situato ai pie

  • Villamar, chiesa di San Pietro

    Il paese, situato tra la Marmilla e la Tre

  • San Nicolò d'Arcidano, chiesa addobbata per Sant'Isidoro

    Il paese si trova al confine fra la provin

  • Terralba, Marceddì

    Terralba sorge tra due insenature degli st

  • Marrubiu, visione dall'alto del paese

    Importante centro dell'Oristanese, Marrubi

  • Nureci, casa Tetti

    Borgo piccolo e suggestivo si adagia sulle

  • Villanovafranca, nuraghe di Su Mulinu

    Il paese di Villanovafranca si dispone in

  • Genoni, municipio

    Genoni sorge sul fianco s

  • Nuragus, nuraghe Santu Millanu

    Nuragus sorge nei pressi

  • San Gavino Monreale, chiesa di Santa Chiara

    San Gavino Monreale è una

  • Il paese di Asuni si adag

  • Ruinas, antica abitazione

    Situata nell'Alta Marmilla, Ruinas

  • Arborea, chiesa del Santissimo Redentore

    Arborea nasce, al centro

  • Nurallao, panoramica del paese

    Situato nel territorio del Sarcidano,

  • Gergei, chiesa di San Vito

    Piccolo centro agricolo della Trexenta, co

  • Siapiccia, parrocchiale di San Nicola di Bari

    Nel Campidano di Oristano, in un territori

  • Suggestivo scorcio della cascata all'interno del Parco

    Il Parco Aymerich è un parco urbano che si

  • Isili, Museo per l'Arte del Rame e del Tessuto: carro del ramaio

    Isili sorge ai margini di

  • Laconi, Castello di Aymerich

    Laconi è situata nell’altopiano del Sarcid

  • Immagine riempitiva

    È una porzione dell'enorme territorio palu

  • Escolca, scorcio del centro storico

    Piccolo centro del Sarcidano, Esco

  • Santa Giusta, chiesa di Santa Giusta

    Santa Giusta, adagiata su

  • Guasila, chiesa della Vergine

    Il comune di Guasila appartiene al territo

  • Simaxis, chiesa di San Nicola di Mira

    Sulla riva sinistra del rio Sant'Elena, af

  • Guspini, miniera di Montevecchio

    Importante centro del Medio Campidano, Gus

Itinerari

Turri parrocchia S. Sebastiano
Average: 3 (2 voti)
Maestro di Castelsardo, particolare del retablo di Tuili
Average: 1.6 (5 voti)
Arbus, marina di Scivu
No votes yet
Average: 2 (3 voti)
Dettaglio della facciata
Average: 1.5 (2 voti)
Cagliari, cimitero monumentale di Bonaria
No votes yet