Lingue

Inizia qui il tuo viaggio

Inserisci il nome del porto o la località da cui desideri partire per pianificare il tuo viaggio

Accesso utente

Or log in with...

Genoni

Genoni

Genoni, municipio

Genoni sorge sul fianco sud-orientale di una collina di origine vulcanica chiamata Santu Antine, sulla cui cima si trova una struttura punica, indicata da molti come il famoso tempio dedicato alla dea Giunone, da cui potrebbe derivare il nome del paese. Su una parte del suo territorio ricade la Giara di Gesturi, e proprio un lembo di questa, staccatasi per fenomeni di erosione, ha formato la collina di Santu Antine. Il centro storico conserva ancora l'antica divisione nei rioni di Putzuidi, Muntoni, Conventu, Santa Maria (o de Cresia), Scaliamentu, Santa Barbara, Santa Crara e Funtanamendula. L'antropizzazione dell'area risale ad un periodo molto antico, come indicano i monumenti nuragici scoperti.
 
È probabile che i primi gruppi che qui si insediarono fossero interessati alla possibilità di controllare le vie di penetrazione dalle coste sud-orientali e dal Campidano verso le aree dell'interno. Durante il Medioevo Genoni apparteneva alla curatoria di Parte Valenza sotto il giudicato di Arborea. La sua importanza in questo periodo è sottolineata dalla sua segnalazione su una mappa dell'"Insula Sardinia" del 1550, dove il suo nome compare insieme a pochissimi altri. L'opinione più accreditata sull'origine del toponimo è quella che esso derivi dalla locuzione latina "Iunonis", ossia "Tempio di Giunone", in riferimento forse alla costruzione punica venuta alla luce sul colle di Santu Antine. Molto suggestivo è il panorama di cui si può godere dalla collina di Santu Antine, che sovrasta il paese.
 
Lo sguardo da qui spazia infatti fino alla splendida Giara di Gesturi, che per parte della sua estensione ricade nel territorio di Genoni. Sulla cima del colle si trova una piccola cappella dedicata a San Costantino, costruita forse su un precedente luogo di culto nuragico, e soprattutto sono state rinvenute delle fortificazioni risalenti al periodo punico (IV secolo a.C.) comprendenti sei torri, una delle quali eretta sui resti di un nuraghe. La presenza nel territorio di parte della Giara di Gesturi ha portato all'apertura in paese del Museo del Cavallino della Giara, ricavato all'interno di una tipica casa campidanese recentemente restaurata. Qui si possono approfondire le proprie conoscenze su questa particolare razza di cavallo nano, endemico di queste zone, entrare in contatto con la cultura agro-pastorale di queste terre, di cui si conservano i tradizionali arnesi da lavoro.
 
Il museo infine accoglie una interessante sezione multimediale, utile e stimolante soprattutto per i ragazzi. Da gennaio fino ad agosto i Genonesi festeggiano i loro Santi in modo molto sentito. Il 16 gennaio si festeggia Sant'Antonio Abate col classico falò; il 15 maggio è la festa campestre di Sant'Isidoro, protettore dei contadini; il 31 maggio la festa è dedicata alla Madonna del Sacro Cuore. La festa più importante è quella di San Costantino il 5 agosto, durante la quale si svolge una processione religiosa con sfilata di costumi tradizionali e cavalieri e spettacoli folkloristici.

Aggiungi a itinerario
add_to_x_block: 

In prossimità

  • Nuragus, nuraghe Santu Millanu

    Nuragus sorge nei pressi

  • Nureci, casa Tetti

    Borgo piccolo e suggestivo si adagia sulle

  • Cavallini della Giara al galoppo

    La riserva naturale della Giara di Gesturi

  • Nurallao, panoramica del paese

    Situato nel territorio del Sarcidano,

  • Suggestivo scorcio della cascata all'interno del Parco

    Il Parco Aymerich è un parco urbano che si

  • Assolo, panoramica del paese

    Piccolo borgo rurale ai piedi della Giara

  • Laconi, Castello di Aymerich

    Laconi è situata nell’altopiano del Sarcid

  • Genuri, la chiesa campestre di San Domino

    Genuri sorge ai piedi del

  • Sini, ulivo millenario presso il parco giochi

    Situato fra le sinuose curve della Marmill

  • Maestro di Castelsardo, particolare del retablo di Tuili

    Tuili è un piccolo centro della Sardegna,

  • Nurallao, Is Arinos [foto di Dino Contu]

    Tra Campidano e Barbagia, tra la fertile p

  • Barumini, Su Nuraxi al tramonto

    Barumini è situato ai pie

  • Il paese di Asuni si adag

  • Isili, Museo per l'Arte del Rame e del Tessuto: carro del ramaio

    Isili sorge ai margini di

  • Albagiara, casa museo

    Piccolo paese dell'Alta Marmilla (297 abit

  • Turri parrocchia S. Sebastiano

    Turri sorge nel cuore della Marmilla piane

  • Sullo sfondo il castello di Las Plassas

    Il paese, che sorge in Marmilla e fa parte

  • Gergei, chiesa di San Vito

    Piccolo centro agricolo della Trexenta, co

  • Usellus, panorama del paese

    In un territorio in buona parte collinare

  • Escolca, scorcio del centro storico

    Piccolo centro del Sarcidano, Esco

  • Serri, area archeologica di Santa Vittoria

    Serri è un centro agricol

  • Ruinas, antica abitazione

    Situata nell'Alta Marmilla, Ruinas

  • Serri, area archeologica di Santa Vittoria

    Col termine "giare" si indicano in Sardegn

  • Villanovafranca, nuraghe di Su Mulinu

    Il paese di Villanovafranca si dispone in

  • Cattedrale di Ales

    Alle pendici orientali del Monte Arci,

  • Siddi, Chiesa di San Michele

    Siddi si presenta come un

  • Simala, casa avvocato Massidda

    Ai confini col territorio della Marmilla,

  • Mandorli in fiore ai piedi della Giara di Siddi

    Col termine "giare" si indicano in Sardegn

  • Pau

    Si trova nel territorio storico della Marm

  • Meana Sardo, Nuraghe Nolza

    Meana Sardo, importante c

  • Villanovatulo, nuraghe innevato

    Villanova Tulo è un piccolo paese del Sarc

  • Samugheo, La tessitura

    Samugheo sorge nel cuore delle colline Man

  • Uno scorcio in lontananza di Gonnoscodina

    Gonnoscodina è un piccolo

  • Mandas, chiesa di San Giacomo

    Mandas è un importante ce

  • Lunamatrona, cupola della chiesa di San Giovanni Battista

    Il paese, situato a un'altitudine di 180 m

  • Ponte 'e Ferru tra Gadoni e Seulo, Gadoni

    Gadoni è situata ai piedi del monte Sa Sco

  • Gonnostramatza, parrocchiale dedicata a San Michele Arcangelo

    Gonnostramatza è un piccolo centro agricol

  • Pompu, panorama

    Pompu è un piccolo paese

  • Villamar, chiesa di San Pietro

    Il paese, situato tra la Marmilla e la Tre

  • Nurri, lago Flumendosa

    Il paese di Nurri si adag

  • Panoramica di Seulo

    Ai piedi del monte Perdedu nel massiccio d

  • Panoramica di Gesico

    Piccolo centro della Trexenta, territorio

  • Villanovaforru, complesso nuragico Genna Maria

    Villanovaforru si trova al centro del sist

  • Masullas, Piazza Pinna

    Situato all'interno del Parco Regionale de

  • Chiesa di San Vincenzo Martire

    Ai piedi del Monte Arci, in una verde vall

  • texile massiccio montuoso

    È un tipico roccione calcareo, detto tacco

  • Monte Arci

    Il Monte Arci è un massiccio isolato di na

  • Nuraghe Concali - Collinas

    Collinas sorge nel territorio della Marmil

  • Grotte Janas di Sadali

    La grotta di Is Janas, in territorio di Sa

  • Delizioso borgo di origine medievale, Atza

Itinerari

Maestro di Castelsardo, particolare del retablo di Tuili
Average: 1.3 (4 voti)
Turri parrocchia S. Sebastiano
Average: 3 (1 voto)
Lanusei, Chiesa di Santa Maria Maddalena
No votes yet
Ilbono, area archeologica di Scerì
Average: 1 (2 voti)
Tortolì, nuraghe S'Ortali 'e Su Monti
No votes yet
Arbus, marina di Scivu
No votes yet