Lingue

Inizia qui il tuo viaggio

Inserisci il nome del porto o la località da cui desideri partire per pianificare il tuo viaggio

Accesso utente

Or log in with...

Gonnoscodina

Gonnoscodina

Uno scorcio in lontananza di Gonnoscodina

Gonnoscodina è un piccolo centro del Campidano adagiato su un pendio collinare tra la Giara di Gesturi, quella di Siddi e il Monte Arci. Il territorio, particolarmente ricco di alture e rilievi, si presenta molto fertile e adatto all'agricoltura, attività cui si affianca nell'economia paesana la lavorazione artigianale del legno e della ceramica. Proprio dalla sua posizione su un declivio collinare deriva il nome del paese: la radice del toponimo "Gonnos", comune anche ad altri paesi sardi, significa infatti collina, mentre la parte finale Codina" significa pietra, roccia.
 
La fertilità del terreno e la presenza di numerosi corsi d'acqua, come il Rio Mogoro, hanno contribuito alla formazione di piccole comunità fin dall'antichità, come testimoniano alcuni monumenti e siti di età nuragica. La zona fu poi frequentata dai Romani, alla cui epoca risale una piccola necropoli e un deposito monetario rinvenuti nelle campagne gonnoscodinesi. Durante il Medioevo sorse il villaggio vero e proprio, appartenente alla curatoria di Parte Montis nel giudicato di Arborea. Da Gonnoscodina è molto facile spostarsi e andare a visitare luoghi dove la natura ha creato uno spettacolo incredibile. Da qui infatti ci si può spostare a visitare la Giara di Gesturi, coi suoi famosi cavallini selvaggi, oppure la Giara di Siddi, dove la roccia basaltica ha creato nel tempo singolari fessurazioni verticali dai caldi colori rossastri, o ancora le pendici del Monte Arci coi suoi angoli incontaminati e i suoi giacimenti di ossidiana.
 
Il centro storico di Gonnoscodina accoglie sul Rio Ischia un antico ponte, di cui non si conosce la data di costruzione, la chiesa di San Sebastiano e quella di San Daniele. Quest'ultima, edificata nella prima metà del XIX secolo, è diventata il simbolo del paese, anche perché sorge al suo ingresso e perciò è una delle prime cose che si nota arrivandovi. La chiesa presenta una pianta centrale e una grande ed elegante cupola, che ricorda quella del Pantheon; ospita al suo interno un magnifico altare in marmo pario. Essa è circondata da un bellissimo parco ammantato da macchia mediterranea. La chiesa di San Sebastiano, invece, ha sostituito l'antica parrocchiale di San Bartolomeo, di cui oggi restano solo due archi a tutto sesto. La nuova parrocchiale, risalente al XVII secolo e costruita in stile ionico a croce greca, è una delle poche nella Diocesi di Ales ad essere, oltre che benedetta, anche consacrata.
 
Al suo interno è custodita una reliquia della Santa Croce e un calice antico di grande pregio. Tra gli appuntamenti festivi possiamo ricordare il 20 gennaio quello in onore del patrono San Sebatiano con il caratteristico falò che viene acceso la notte della vigilia; le feste particolarmente sentite in onore di San Daniele, che si tengono il 9 maggio, il 13 ottobre e il 13 novembre; infine, il 24 agosto la festa di San Bartolomeo nella suggestiva cornice del parco che circonda la chiesetta a lui dedicata.

Aggiungi a itinerario
add_to_x_block: 

In prossimità

  • Gonnostramatza, parrocchiale dedicata a San Michele Arcangelo

    Gonnostramatza è un piccolo centro agricol

  • Simala, casa avvocato Massidda

    Ai confini col territorio della Marmilla,

  • Mandorli in fiore ai piedi della Giara di Siddi

    Col termine "giare" si indicano in Sardegn

  • Masullas, Piazza Pinna

    Situato all'interno del Parco Regionale de

  • Pompu, panorama

    Pompu è un piccolo paese

  • Mogoro, chiesa di Sant'Antioco

    Mogoro sorge a 153 m sul livello, nella re

  • Siddi, Chiesa di San Michele

    Siddi si presenta come un

  • Chiesa di San Vincenzo Martire

    Ai piedi del Monte Arci, in una verde vall

  • Nuraghe Concali - Collinas

    Collinas sorge nel territorio della Marmil

  • Turri parrocchia S. Sebastiano

    Turri sorge nel cuore della Marmilla piane

  • Lunamatrona, cupola della chiesa di San Giovanni Battista

    Il paese, situato a un'altitudine di 180 m

  • Villanovaforru, complesso nuragico Genna Maria

    Villanovaforru si trova al centro del sist

  • Cattedrale di Ales

    Alle pendici orientali del Monte Arci,

  • Sini, ulivo millenario presso il parco giochi

    Situato fra le sinuose curve della Marmill

  • Genuri, la chiesa campestre di San Domino

    Genuri sorge ai piedi del

  • Sardara, Villa Diana

    Al centro della fertile pianura del Campid

  • Albagiara, casa museo

    Piccolo paese dell'Alta Marmilla (297 abit

  • Pau

    Si trova nel territorio storico della Marm

  • Maestro di Castelsardo, particolare del retablo di Tuili

    Tuili è un piccolo centro della Sardegna,

  • Uras, chiesa di San Salvatore

    Il territorio di Uras è s

  • Usellus, panorama del paese

    In un territorio in buona parte collinare

  • Cavallini della Giara al galoppo

    La riserva naturale della Giara di Gesturi

  • Sullo sfondo il castello di Las Plassas

    Il paese, che sorge in Marmilla e fa parte

  • Monte Arci

    Il Monte Arci è un massiccio isolato di na

  • Villamar, chiesa di San Pietro

    Il paese, situato tra la Marmilla e la Tre

  • Assolo, panoramica del paese

    Piccolo borgo rurale ai piedi della Giara

  • Barumini, Su Nuraxi al tramonto

    Barumini è situato ai pie

  • Villanovafranca, nuraghe di Su Mulinu

    Il paese di Villanovafranca si dispone in

  • San Nicolò d'Arcidano, chiesa addobbata per Sant'Isidoro

    Il paese si trova al confine fra la provin

  • San Gavino Monreale, chiesa di Santa Chiara

    San Gavino Monreale è una

  • Terralba, Marceddì

    Terralba sorge tra due insenature degli st

  • Marrubiu, visione dall'alto del paese

    Importante centro dell'Oristanese, Marrubi

  • Genoni, municipio

    Genoni sorge sul fianco s

  • Nureci, casa Tetti

    Borgo piccolo e suggestivo si adagia sulle

  • Nuragus, nuraghe Santu Millanu

    Nuragus sorge nei pressi

  • Il paese di Asuni si adag

  • Gergei, chiesa di San Vito

    Piccolo centro agricolo della Trexenta, co

  • Nurallao, panoramica del paese

    Situato nel territorio del Sarcidano,

  • Arborea, chiesa del Santissimo Redentore

    Arborea nasce, al centro

  • Ruinas, antica abitazione

    Situata nell'Alta Marmilla, Ruinas

  • Guasila, chiesa della Vergine

    Il comune di Guasila appartiene al territo

  • Isili, Museo per l'Arte del Rame e del Tessuto: carro del ramaio

    Isili sorge ai margini di

  • Escolca, scorcio del centro storico

    Piccolo centro del Sarcidano, Esco

  • Samassi, veduta della parrocchiale della Beata Vergine di Monserrato

    Il paese sorge nella pianura del Campidano

  • Guamaggiore, Chiesa di San Sebastiano martire

    Guamaggiore sorge nelle distese colline de

  • Suggestivo scorcio della cascata all'interno del Parco

    Il Parco Aymerich è un parco urbano che si

  • Panoramica di Gesico

    Piccolo centro della Trexenta, territorio

  • Guspini, miniera di Montevecchio

    Importante centro del Medio Campidano, Gus

  • Laconi, Castello di Aymerich

    Laconi è situata nell’altopiano del Sarcid

  • Mandas, chiesa di San Giacomo

    Mandas è un importante ce

Itinerari

Turri parrocchia S. Sebastiano
Average: 3 (2 voti)
Maestro di Castelsardo, particolare del retablo di Tuili
Average: 1.3 (4 voti)
Arbus, marina di Scivu
No votes yet
Average: 1.5 (2 voti)
Dettaglio della facciata
Average: 1.5 (2 voti)
Cagliari, cimitero monumentale di Bonaria
No votes yet