Lingue

Inizia qui il tuo viaggio

Inserisci il nome del porto o la località da cui desideri partire per pianificare il tuo viaggio

Accesso utente

Or log in with...

Necropoli di Moseddu

Necropoli di Moseddu

Immagine non disponibile

Dall'abitato di Cheremule uscire dal paese per via Vittorio Emanuele. Dopo circa un km svoltare a destra in corrispondenza di un abbeveratoio e continuare dritti, svoltando poi nel secondo bivio a sinistra. Proseguire fino ad un abbeveratoio e continuare dritti sulla strada sterrata fino a raggiungere un ponticello di cemento su un canale. Da questo punto si potrà vedere a nord ovest un affioramento roccioso di calcare, verso cui bisogna dirigersi a piedi, sino al punto in cui i pali elettrici incontrano la roccia. Da qui si prosegue per circa 150 m lungo una stradina che costeggia l'affioramento e che porta verso il monte Cuccureddu. La Tomba Branca è visibile sulla parete di roccia a sinistra ad un paio di metri d'altezza. Proseguendo per altri 100 m si trova la Tomba della Cava, situata in un prato paludoso.

Il contesto ambientale
La necropoli è ubicata su un esteso affioramento calcareo alle pendici del Monte Cuccureddu, nel Meilogu, regione della Sardegna nord-occidentale.

Descrizione
La necropoli, alquanto degradata, comprende 18 ipogei con schema planimetrico monocellulare e pluricellulare.
Tra gli ipogei spicca la "Tomba Branca", con "dromos" di accesso (largh. m 3,10, lungh. circa m 5) che immette, tramite un portello fornito di rincasso, in una cella a pianta rettangolare (largh. m 3 x 4,5, alt. max. m 1,60).
La peculiarità dell'ipogeo è data dalla presenza di alcune figure schematiche incise nelle pareti s. e d. del "dromos" e ai lati del portello in prossimità dell'ingresso.
Le figure – in totale una ventina – sono realizzate alla martellina, effettuando solchi larghi in media cm 2,5 e profondi cm 1.
Sulla parete s. del "dromos" sono rappresentate sei figure antropomorfe. Hanno il corpo filiforme – alcune presentano gli avambracci alzati –, la testa resa da un semplice disco e il sesso maschile appena accennato. La disposizione delle figure suggerisce l'idea di una danza, forse il "ballo tondo".
Sulla parete d. sono presenti otto figure, di cui cinque chiaramente maschili. Alcune di esse alzano le braccia secondo lo schema dell'orante e mostrano il prolungamento della testa a becco: quest'ultima caratteristica ha indotto ad ipotizzare dei personaggi mascherati.
In alcuni casi, per la particolare posizione, le figurette sembrano raffigurare acrobati, in altri casi si nota la presenza di armi, come le asce.
Un'unica figura si distingue dalle altre: si tratta di un "capovolto" che rappresenta il defunto nella discesa agli inferi.
In alcuni petroglifi - sebbene estremamente stilizzati – sembrano riconoscibili delle figure di sesso femminile.
La necropoli è databile al Neolitico finale (cultura di Ozieri, 3200-2800 a.C.) e all'Eneolitico.

Storia degli scavi
La necropoli è segnalata dalla metà del secolo scorso.

Bibliografia
A. Taramelli, "Foglio 193 (Bonorva)", in [i]Edizione Archeologica della Carta d'Italia[/i], Firenze, Istituto Geografico Militare, 1940, p. 86, n. 84;
E. Contu, "Moseddu (Cheremule), Notiziario", in [i]Rivista di Scienze Preistoriche[/i], XX, 1965, pp. 381-382;
G. Tanda, [i]L'Arte delle domus de janas nelle immagini di Jngeborg Mangold[/i], Sassari, Chiarella, 1985, p. 29, n. 15.

Aggiungi a itinerario
add_to_x_block: 

In prossimità

  • Giave, nuraghe Oes

    Il paese sorge sulla sommità di un altopia

  • Torralba, nuraghe di Santu Antine

    Torralba è un centro agricolo del territor

  • Borutta panorama del paese

    Il territorio di Borutta

  • Thiesi, panorama del paese

    Thiesi si adagia su un ba

  • Bonnanaro, La vallata su cui sorge il paese

    Bonnanaro è un piccolo paese situato nella

  • Cossoine,  un murales del centro

    Il piccolo borgo sorge nel cuore di un alt

  • Bessude, panoramica del paese

    Piccolo centro del Meilogu ai piedi del mo

  • Bonorva, fonte sacra Su Lumarzu

    Il paese di Bonorva, svil

  • Semestene, chiesa di San Nicola di Trullas

    Il paese di Semestene è s

  • Mores, dolmen Sa Coveccada

    Mores, importante centro

  • Pozzomaggiore, sede della Banca di Sassari

    Pozzomaggiore è situata nell’altopiano del

  • Mara, santuario di Nostra Signora di Bonuighinu

    Mara è un piccolo paese del Meilogu, situa

  • Padria, veduta della chiesa di Santa Giulia

    Protetto ad ovest dai tre colli denominati

  • Monteleone Rocca Doria, la piazza di sa Carrela manna

    Arroccato su una verdeggiante altura, il p

  • Ittiri, chiesa di San Leonardo Del Cuga

    Ittiri si trova nel terri

  • Florinas, nuraghe Corvos

    Il territorio del comune di Florin

  • Codrongianos, chiesa di SS. Trinità di Saccargia

    Situato a 317 m sul livello del mare sui c

  • Ploaghe, chiesa di Sant'Antonio di Salvenero

    Paese agricolo del Logudoro, sorge in una

  • Bolotana, cascata di Mularza Noa

    I sistemi montuosi della Sardegna, così co

  • foresta di monte pisanu

    Come Forest'Anela e Fiorentini, anche Mont

  • Villanova Monteleone, Murales

    Villanova Monteleone, situato in un territ

  • Quercia, Sindia

    Sindia è un piccolo paese situato nel terr

  • Cargeghe, panoramica del paese

    Paese del Sassarese, sorge alle pendici de

  • Panoramica del paese di Montresta

    Adagiato su un pendio circondato da boschi

  • I sistemi montuosi della Sardegna, così co

  • Muros, ingresso al Parco Su Monte

    Il paese di Muros di adag

  • Albero monumentale della foresta demaniale monte Pisanu - Autore Saba Alessio

    L'Area Protetta di Sos Nibberos si estende

  • Ossi, chiesa di Santa Vittoria

    Piccolo centro del Sassarese, Ossi è situa

  • Necropoli di Monte Seseri, Putifigari

    Ampie distese di vigneti, oltre a rendere

  • Bortigali, Nuraghe Orolo

    Bortigali è situata ai pi

  • Nei comuni di Anela, Bono e Bultei ricade

  • Macomer, Nuraghe Santa Barbara

    Macomer si trova ai piedi

  • Esporlatu, panoramica del paese

    Esporlatu è il paese più

  • Burgos, nuraghe Costa

    Sulle pendici della catena del Goceano ("S

  • Galtellì, Castello Malicas

    Su uno spettacolare altopiano calcareo sor

  • Ozieri, grotta di San Michele

    La grotta di S.

  • Usini, chiesa di Santa Croce

    Usini si trova tra i terr

  • Lei, il pane votivo realizzato in paese
    Lei

    Circondato dalle montagne della catena del

  • Tissi, panoramica del paese

    Tissi si trova su un alto

  • Ozieri, veduta del paese

    Ozieri è coronata da folta vegetazione di

  • Birori, area archeologica

    Birori sorge alle falde d

  • Centro agricolo del Goceano, Botti

  • Bolotana, Villa Piercy [foto ufficio stampa Regione]

    Il comune di Bolotana nas

  • Area archeologica di Nughedu San Nicolò

    Nughedu San Nicolò è un p

  • Illorai, panorama

    Piccolo paese arroccato sulle montagne del

  • Suni si adagia sull'altop

  • Bultei, pineta di Su Tassu

    La foresta di Fiorentini, nel comune di Bu

  • Sagama, chiesa di San Gabriele Arcangelo

    Sagama si trova su una collina calcarea so

  • Bultei, chiesa di San Saturnino

    Antico centro agro-pastorale situato ai ma

  • Tinnura, murale

    Tinnura si trova nel terr

Itinerari

Il sito di Aquae Lesitane in una mappa del 1522
No votes yet
Alghero, Villa Las Tronas
No votes yet
Alghero, baia e promontorio di Capo Caccia
Average: 3 (1 voto)
Bitti - complesso di Romanzesu
Average: 1 (1 voto)
Monte Albo e le vallate che lo circondano
No votes yet
Olbia, chiesa di San Simplicio
Average: 1 (2 voti)