Lingue

Inizia qui il tuo viaggio

Inserisci il nome del porto o la località da cui desideri partire per pianificare il tuo viaggio

Accesso utente

Or log in with...

Museo della montagna sarda o del Gennargentu

Museo della montagna sarda o del Gennargentu

Situato in una delle parti più incontaminate e suggestive del massiccio del Gennargentu, Aritzo è un importante centro montano che mostra un'architettura interessante, caratterizzata da facciate in pietra scistosa e lunghi balconi anticamente in legno, oggi in ferro battuto.
La collezione museale è collocata provvisoriamente nei locali al pianterreno della scuola elementare di via Marconi, un caseggiato degli anni cinquanta ubicato nel centro del paese.
Le singole stanze ospitano un patrimonio straordinariamente ampio e variegato delle attività più rappresentative della cultura barbaricina. Il criterio scelto per la disposizione dei reperti, all'interno del museo, è stato quello per tematiche e mestieri.
Il percorso museale si articola in due sezioni. La prima ospita una rassegna di costumi tradizionali maschili e femminili e una collezione di maschere ferine locali quali "su mamutzone", "s'ulzu" (l'orso), "sa maltenica" (la scimmia) e "su boe", tutte realizzate con pelli di capra o di pecora.
Nell'altro spazio il materiale esposto fa parte della tradizione agro-silvo-pastorale, e così troviamo gli attrezzi del contadino, del boscaiolo, del falegname-intagliatore, del pastore, del fabbro e del bottaio, ma anche gli oggetti relativi alla tessitura, all'artigianato e alla sfera magico-religiosa.
Importanti anche gli strumenti destinati alla lavorazione e produzione delle candele e alla loro decorazione e un'intera raccolta di campanacci, dalle forme e sfumature sonore più varie.
C'è poi un settore interamente dedicato alla produzione della "carapigna", sorbetto al limone che un tempo veniva confezionato con la neve raccolta sui monti e custodita nelle "neviere", profonde fosse ricoperte di paglia o arbusti. Aritzo, infatti, famosa per l'industria della neve, aveva ottenuto dal fisco spagnolo il monopolio della raccolta della neve e, per ben cinque secoli, rifornì di ghiaccio l'intera isola e il Palazzo reale di Cagliari.
Chiude il percorso la ricostruzione della cucina tradizionale, con il camino a fuoco centrale e arredata con tutti gli attrezzi dell'epoca. Qui è documentata la catena operativa della panificazione e dell'essiccazione e lavorazione delle castagne e si trova esposta anche una collezione di giocattoli.
Lungo il percorso museale è possibile vedere anche le opere del maestro di pittura e incisione Antonio Mura collocate, temporaneamente, nell'attuale Palazzo comunale. Oltre la quadreria, rivestono grande importanza la ricca collezione di casse lignee intagliate e i mobili di un'intera camera da letto, realizzati su disegno del pittore che li ha poi dipinti.

Indirizzo: via Guglielmo Marconi - 08031 Aritzo
tel. 0784 629801
Ente titolare: Comune di Aritzo
Gestione: Società Cooperativa Giuramentu S.n.c. di Aritzo
Orari: 9.00 - 13.00 e 15.00 - 18.00 (da ottobre a maggio); 10.00 - 13.00 e 16.00 - 19.00 (da giugno a settembre); lunedì, Natale e Pasqua chiuso
Biglietto: € 2,50 (visita museo e carcere spagnolo, visita guidata compresa nel prezzo). Esenzione per bambini fino a 10 anni

Esiste un servizio di visita guidata, condotto da personale specializzato in Storia della cultura materiale e Pedagogia, compreso nel prezzo del biglietto. Esiste un percorso didattico per bambini. È aperto il bookshop. È attivo il laboratorio per il restauro e il recupero del legno (su prenotazione). Non esistono barriere architettoniche. Il museo organizza visite guidate al Carcere spagnolo "Sa Bovida" e (su prenotazione) al Sistema museale che comprende l'escursione, a piedi, a "Funtana Cugnada" dove si trovano le "neviere"; la visita al Centro storico dove sopravvivono ancora i resti delle "domos de nie", le case della neve; alla Torre Campanaria, alta una quarantina di metri, dalla quale è possibile spaziare su un suggestivo panorama; al Palazzo comunale che contiene le opere del maestro di pittura e incisione Antonio Mura.

Aggiungi a itinerario
add_to_x_block: 

In prossimità

  • Aritzo, Castagne

    Aritzo, situata nel cuore della Barbagia d

  • Belvì, cesto di caschettes e grembiule dell'abito tradizionale

    Belvì si trova nella costa del monte "Genn

  • texile massiccio montuoso

    È un tipico roccione calcareo, detto tacco

  • Ponte 'e Ferru tra Gadoni e Seulo, Gadoni

    Gadoni è situata ai piedi del monte Sa Sco

  • Desulo, Prodotti tipici della montagna

    Desulo è un antico borgo

  • La foresta di Uatzo si trova nel territori

  • Tonara, Campanacci

    Tonara si trova ai piedi del Monte Mungian

  • Panoramica di Seulo

    Ai piedi del monte Perdedu nel massiccio d

  • Delizioso borgo di origine medievale, Atza

  • Meana Sardo, Nuraghe Nolza

    Meana Sardo, importante c

  • Sorgono, santuario campestre di San Marco

    Sorgono è stato il capoluogo del Mandrolis

  • Tiana, caratteristico ingresso di una vecchia casa

    Disteso sulle pendici orientali del Gennar

  • Grotte Janas di Sadali

    La grotta di Is Janas, in territorio di Sa

  • Fonni, la neve sul Gennargentu

    Cime dalle tonalità argentate modellano il

  • Austis, Sa Crabarissa

    Austis è immersa nelle montagne del Mandro

  • Ovodda, Sas Fruttinas

    Ovodda sorge nel cuore della Barbagia di O

  • Teti, panoramica del lago di Cucchinadorza

    Il paese di Teti si trova in posizione pan

  • Seui, Santu Cristolu

    Circondato da boschi di lecci irrorati dal

  • riu e forru

    Nel cuore del massiccio del Gennargentu, a

  • Laconi, Castello di Aymerich

    Laconi è situata nell’altopiano del Sarcid

  • Sadali, cascata di San Valentino

    All'interno del delizioso paese di Sadali

  • Nurallao, Is Arinos [foto di Dino Contu]

    Tra Campidano e Barbagia, tra la fertile p

  • Suggestivo scorcio della cascata all'interno del Parco

    Il Parco Aymerich è un parco urbano che si

  • Il paese di Sadali è ubic

  • foresta montarbu

    All'interno del territorio di Seui, si tro

  • Fonni, Nuraghe Dronnoro

    Fonni, adagiato sulle pen

  • Perda 'e Liana

    Perda 'e Liana costituisce una delle più i

  • Panoramica del Lago di Gusana

    Il lago di Gusana venne realizzato tra il

  • Ortueri, Chiesa di San Nicola

    Ortueri è un borgo di origine medievale ma

  • Villanovatulo, nuraghe innevato

    Villanova Tulo è un piccolo paese del Sarc

  • Parco del Gennargentu, impressioni d'autunno

    L’area è compresa nei comuni di Aritzo, Ar

  • Nurallao, panoramica del paese

    Situato nel territorio del Sarcidano,

  • Lodine, Chiesa di San Giorgio Martire

    In prossimità del lago artificiale di Gusa

  • Samugheo, La tessitura

    Samugheo sorge nel cuore delle colline Man

  • Gavoi, Lago di Gusana

    Gavoi si trova nel cuore della Barbagia tr

  • Il paese di Asuni si adag

  • Zona archeologica Su Casteddu, Ussassai [foto Alinari, Loi Elisabetta]

    Il paese di Ussassai è in

  • Ollolai, Abito Tradizionale

    Ollolai nasce sul monte San Basilio Magno,

  • Nureci, casa Tetti

    Borgo piccolo e suggestivo si adagia sulle

  • Nuragus, nuraghe Santu Millanu

    Nuragus sorge nei pressi

  • Genoni, municipio

    Genoni sorge sul fianco s

  • Neoneli, Rilievo montuoso

    Neoneli sorge nelle verdi colline del Bari

  • Olzai, Abito Tradizionale

    Olzai è un antico borgo i

  • Isili, Museo per l'Arte del Rame e del Tessuto: carro del ramaio

    Isili sorge ai margini di

  • Foresta di Montes, panorama - Autore: Chiaramida Antonello

    "…..C'è una regione detta Fontanabona, con

  • Ruinas, antica abitazione

    Situata nell'Alta Marmilla, Ruinas

  • Nughedu Santa Vittoria, la chiesa gotico-catalana di San Giacomo

    Il piccolo paese di Nughedu Santa

  • Serri, area archeologica di Santa Vittoria

    Col termine "giare" si indicano in Sardegn

  • Villagrande Strisaili, area archeologica di Sa Carcaredda

    Il paese di Villagrande (

  • Ulà Tirso, Tramonto sul lago Omodeo

    Ulà Tirso è un piccolo paese agricolo sort

Itinerari

Ilbono, area archeologica di Scerì
Average: 1 (2 voti)
Lanusei, Chiesa di Santa Maria Maddalena
No votes yet
Maestro di Castelsardo, particolare del retablo di Tuili
Average: 1.3 (4 voti)
Turri parrocchia S. Sebastiano
Average: 3 (2 voti)
Tortolì, nuraghe S'Ortali 'e Su Monti
No votes yet
Baunei, Pedra Longa
Average: 1 (1 voto)