Lingue

Inizia qui il tuo viaggio

Inserisci il nome del porto o la località da cui desideri partire per pianificare il tuo viaggio

Accesso utente

Or log in with...

protonuraghe Talei

protonuraghe Talei

Immagine non disponibile

Dal centro del paese si prosegue sulla SS 388 per la chiesa di San Mauro; da qui si procede verso un piccolo rialzo ai bordi della stradina, sulla destra, ove è ubicato il nuraghe Talei. La tomba di giganti è situata a 100 metri dal nuraghe.

Il contesto ambientale
Il nuraghe sorge in un'area collinare coperta da una fitta vegetazione, su uno spuntone di roccia granitica, nelle vicinanze del santuario di San Mauro.

Descrizione
Il complesso è costituito da un protonuraghe, da un villaggio e da una tomba di giganti. Il protonuraghe, del tipo "a corridoio", ha una planimetria vagamente ellissoidale e si addossa ad una emergenza granitica. L'opera muraria è costituita da grossi blocchi poligonali di granito. Due ingressi opposti, situati nei lati brevi, introducono in un corridoio che attraversa interamente la mole dell'edificio. L'ingresso esposto a N, architravato ma privo di finestrino di scarico, immette nel corridoio che presenta - sulla sinistra - il vano della scala che conduceva al terrazzo (ne residuano 12 gradini); nel pianerottolo - superato l'ottavo gradino - si aprono due nicchie contrapposte con volta parzialmente crollata. Dall'ingresso esposto a S, anch'esso architravato, il corridoio - penetrando all'interno della struttura - si allarga in una camera di pianta subellittica, oggi scoperta ma in origine provvista di una copertura aggettante, a "schiena d'asino" o "naviforme".
Benché lo stato di conservazione sia mediocre, il monumento riveste una certa importanza, per il contributo che le indagini possono apportare al problema dell'origine della civiltà nuragica. Attorno all'edificio nuragico, infatti, gli scavi hanno messo in luce diverse capanne dell'abitato, che hanno restituito materiali degli inizi del Bronzo medio (facies "Sa Turricula"), mentre ad un momento finale della stessa fase è probabilmente da ascriversi l'abbandono del sito.
La tomba di giganti, danneggiata nel 1973 da scavatori clandestini, è situata a poche centinaia di metri dal nuraghe. Del monumento, già noto al Taramelli, è chiaramente leggibile un tratto del corridoio funerario di pianta rettangolare (m 8,10 x 0,90 di larghezza). L'opera muraria è costituita da blocchi di granito di medie dimensioni regolarizzati nella faccia interna. Della copertura della tomba, residua in situ, a m 6,30 dal fondo, un blocco di m 1,20 di lunghezza, disposto a piattabanda.
Lo scavo ha messo in luce il muro esterno absidato di contenimento ed alcuni blocchi dell'esedra. I blocchi mancanti sono stati riutilizzati durante la costruzione della vicina SP Ortueri-Sorgono, mentre la stele centinata è ancora visibile sul lato esterno del santuario di San Mauro. I materiali rinvenuti durante lo scavo stratigrafico presentano una stretta analogia con quelli rinvenuti nel nuraghe.

Storia degli scavi
Il sito è stato scavato a più riprese, dal 1981, da Maria Ausilia Fadda.

Bibliografia
M.A. Fadda, "Scoperte e scavi preistorici in Sardegna durante il 1981: Sorgono", in [i]Rivista di scienze preistoriche[/i], XXXVI, 1-2, 1981;
M.A. Fadda, "Nuraghe Talei-Sorgono", in [i]Settimana dei beni culturali, 1975-1985: 10 anni di attività nel territorio della Provincia di Nuoro[/i], Nuoro, Ministero per i beni culturali e ambientali, Sopraintendenza archeologica per le Province di Sassari e Nuoro, Ufficio operativo di Nuoro, 1996;
M.A. Fadda, "Sorgono (Nuoro). Il nuraghe Talei", in [i]Bollettino di archeologia[/i], 19-21, 1993, pp. 165-168;
M.A. Fadda, "Nuovi elementi di datazione dell’età del Bronzo Antico e Medio: lo scavo del nuraghe Talei di Sorgono e della Tomba di giganti Sa Pattada di Macomer", in [i]Sardinian and Aegean chronology: towards the resolution of relative and absolute dating in the Mediterranean (Massachusetts, 17-19 marzo, 1995)[/i], a cura di M.S. Balmuth-R.H. Tykot, Oxford, Oxbow, 1998, pp. 179-194.

Aggiungi a itinerario
add_to_x_block: 

In prossimità

  • Delizioso borgo di origine medievale, Atza

  • Sorgono, santuario campestre di San Marco

    Sorgono è stato il capoluogo del Mandrolis

  • Ortueri, Chiesa di San Nicola

    Ortueri è un borgo di origine medievale ma

  • Meana Sardo, Nuraghe Nolza

    Meana Sardo, importante c

  • Austis, Sa Crabarissa

    Austis è immersa nelle montagne del Mandro

  • La foresta di Uatzo si trova nel territori

  • Neoneli, Rilievo montuoso

    Neoneli sorge nelle verdi colline del Bari

  • Tiana, caratteristico ingresso di una vecchia casa

    Disteso sulle pendici orientali del Gennar

  • Tonara, Campanacci

    Tonara si trova ai piedi del Monte Mungian

  • Samugheo, La tessitura

    Samugheo sorge nel cuore delle colline Man

  • Teti, panoramica del lago di Cucchinadorza

    Il paese di Teti si trova in posizione pan

  • texile massiccio montuoso

    È un tipico roccione calcareo, detto tacco

  • Ulà Tirso, Tramonto sul lago Omodeo

    Ulà Tirso è un piccolo paese agricolo sort

  • Panoramica di Busachi

    Antico capoluogo della curatoria medievale

  • Belvì, cesto di caschettes e grembiule dell'abito tradizionale

    Belvì si trova nella costa del monte "Genn

  • Nughedu Santa Vittoria, la chiesa gotico-catalana di San Giacomo

    Il piccolo paese di Nughedu Santa

  • Ovodda, Sas Fruttinas

    Ovodda sorge nel cuore della Barbagia di O

  • Ardauli, chiesa della Madonna della Guardia

    Piccolo borgo agricolo del Barigadu,

  • Aritzo, Castagne

    Aritzo, situata nel cuore della Barbagia d

  • Sorradile, chiesa di San Sebastiano

    Su un dolce declivio che guarda verso la v

  • Bidonì, chiesa di Santa Maria di Ossolo

    Il piccolo comune sorge nei pressi del Lag

  • Desulo, Prodotti tipici della montagna

    Desulo è un antico borgo

  • Ponte 'e Ferru tra Gadoni e Seulo, Gadoni

    Gadoni è situata ai piedi del monte Sa Sco

  • Ruinas, antica abitazione

    Situata nell'Alta Marmilla, Ruinas

  • Laconi, Castello di Aymerich

    Laconi è situata nell’altopiano del Sarcid

  • Suggestivo scorcio della cascata all'interno del Parco

    Il Parco Aymerich è un parco urbano che si

  • Il paese di Asuni si adag

  • veduta lago omodeo autore frongia maurizio

    Il lago artificiale dell'Omodeo è stato re

  • Vista sul Lago Omodeo

    Tadasuni è un piccolo bor

  • Panoramica del Lago di Gusana

    Il lago di Gusana venne realizzato tra il

  • Panorama sul territorio

    Nei pressi del lago Omodeo, l'invaso artif

  • Fordongianus, casa aragonese

    Nel territorio del Barigadu, distesa sulla

  • Sedilo, Ardia

    Sedilo, situato sull’altopiano di Abbasant

  • Gavoi, Lago di Gusana

    Gavoi si trova nel cuore della Barbagia tr

  • Olzai, Abito Tradizionale

    Olzai è un antico borgo i

  • Ollolai, Abito Tradizionale

    Ollolai nasce sul monte San Basilio Magno,

  • Fonni, la neve sul Gennargentu

    Cime dalle tonalità argentate modellano il

  • Nureci, casa Tetti

    Borgo piccolo e suggestivo si adagia sulle

  • Fonni, Nuraghe Dronnoro

    Fonni, adagiato sulle pen

  • Ghilarza, Chiesa di San Palmerio

    Ghilarza sorge sul vasto

  • Lodine, Chiesa di San Giorgio Martire

    In prossimità del lago artificiale di Gusa

  • Nurallao, Is Arinos [foto di Dino Contu]

    Tra Campidano e Barbagia, tra la fertile p

  • Panoramica di Seulo

    Ai piedi del monte Perdedu nel massiccio d

  • Norbello, monumento ai caduti

    Borgo agro-pastorale posto sull'altopiano

  • Nuraghe Zuras - Abbasanta

    Abbasanta sorge sull'omon

  • Genoni, municipio

    Genoni sorge sul fianco s

  • Aidomaggiore, Nuraghe Caddari

    Aidomaggiore è un antico borgo agro-pastor

  • Nurallao, panoramica del paese

    Situato nel territorio del Sarcidano,

  • Assolo, panoramica del paese

    Piccolo borgo rurale ai piedi della Giara

  • Paulilatino, Pozzo sacro di Santa Cristina

    Il nome di Paulilatino molto probabilmente

Itinerari

Maestro di Castelsardo, particolare del retablo di Tuili
Average: 1.3 (4 voti)
Turri parrocchia S. Sebastiano
Average: 3 (1 voto)
Ilbono, area archeologica di Scerì
Average: 1 (2 voti)
Lanusei, Chiesa di Santa Maria Maddalena
No votes yet
Il sito di Aquae Lesitane in una mappa del 1522
No votes yet
Tortolì, nuraghe S'Ortali 'e Su Monti
No votes yet