Lingue

Inizia qui il tuo viaggio

Inserisci il nome del porto o la località da cui desideri partire per pianificare il tuo viaggio

Accesso utente

Or log in with...

Chiesa di Santa Sabina

Chiesa di Santa Sabina

Silanus, chiesa di Santa Sabina

Si lascia la SS 131 all'altezza di Macomer, per imboccare la SS 129. Sulla s. si incontra il bivio per la SP 6 in direzione di Silanus. Superato il centro abitato si seguono le indicazioni per il nuraghe e la chiesa di Santa Sabina, isolati in aperta campagna.

Il contesto ambientale
L'area in cui sorge la chiesa di Santa Sabina mostra ancora oggi le tracce lasciate dall'uomo in migliaia di anni di continua presenza. Nello stesso paesaggio campestre coesistono il nuraghe, una tomba dei giganti e la chiesa medievale. Nel XIX secolo si aveva memoria di un monastero benedettino, al quale la chiesa sarebbe stata annessa.

Descrizione
Santa Sabina di Silanus deve il suo fascino non solo all'unicità delle sue forme architettoniche, ma anche alla vicinanza del nuraghe omonimo, dalla cui sommità si godono la vista dei tetti della chiesa e il bel panorama della piana campestre circostante.
L'edificio ha una pianta originale, che suggerisce la preesistenza di un impianto tardoantico o bizantino, modificato nell'XI secolo. Si tratta di una rotonda centrale coperta da una cupola e absidata cui si affiancano due camere rettangolari coperte in legno e anch'esse concluse ad E da absidi. I materiali costruttivi sono il calcare e il basalto.
Nel prospetto O si aprono i due portali d'accesso. Il principale, nella rotonda, è del tipo ad architrave semplice gravante sulle murature perimetrali e si caratterizza per essere preceduto da un protiro timpanato. Il protiro forma un piccolo vano lungo poco più di due metri, aperto frontalmente e voltato a botte. Il profilo frontale del protiro è decorato da conci a listello disposti a semicerchio lungo il profilo superiore della volta. Il portale secondario nella camera nord è del tipo centinato a tutto sesto, con grandi blocchi di scuro basalto che fungono da stipiti. La centina a sua volta è ribattuta da conci a listello disposti a semicerchio lungo il profilo superiore.
Il paramento murario della camera S denota come questa sia in gran parte frutto di ricostruzione, comunque coerente con i resti di murature che indicano chiaramente la presenza di un vano laterale anche in origine.
Per la parte bassa dell'edificio sono stati utilizzati grandi blocchi di basalto provenienti dal nuraghe che sorge alle spalle della chiesa. La parte alta è in basalto caratterizzato dal colore chiaro, dove spiccano due filari di conci in andesite, impiegati a fini decorativi. Nel prospetto E si nota la pregevole fattura delle due monofore (aperture a feritoia verticale) decorate con strombo a gradoni concluso da centina a tutto sesto.
Entrati nella chiesa dal portale principale è possibile osservare il tipo di copertura usato per la rotonda. Si tratta di una pseudocupola, la cui sagoma conoide deriva dalla ricostruzione della sommità, avvenuta a seguito di un crollo. Lo strombo delle monofore, complesso all'esterno, si ripresenta all'interno in forme più semplici.

Aggiungi a itinerario
add_to_x_block: 

In prossimità

  • Bortigali, Nuraghe Orolo

    Bortigali è situata ai pi

  • Lei, il pane votivo realizzato in paese
    Lei

    Circondato dalle montagne della catena del

  • Dualchi, murale nel centro storico

    Il paese di Dualchi è sit

  • Birori, area archeologica

    Birori sorge alle falde d

  • Bolotana, cascata di Mularza Noa

    I sistemi montuosi della Sardegna, così co

  • Macomer, Nuraghe Santa Barbara

    Macomer si trova ai piedi

  • Bolotana, Villa Piercy [foto ufficio stampa Regione]

    Il comune di Bolotana nas

  • Museo del Pane, Borore

    Borore si trova ai piedi

  • Aidomaggiore, Nuraghe Caddari

    Aidomaggiore è un antico borgo agro-pastor

  • Sedilo, Ardia

    Sedilo, situato sull’altopiano di Abbasant

  • Illorai, panorama

    Piccolo paese arroccato sulle montagne del

  • Ottana, Chiesa di San Nicola

    Ottana sorge nella pianura della valle del

  • Esporlatu, panoramica del paese

    Esporlatu è il paese più

  • Norbello, monumento ai caduti

    Borgo agro-pastorale posto sull'altopiano

  • Galtellì, Castello Malicas

    Su uno spettacolare altopiano calcareo sor

  • Burgos, nuraghe Costa

    Sulle pendici della catena del Goceano ("S

  • Panorama sul territorio

    Nei pressi del lago Omodeo, l'invaso artif

  • veduta lago omodeo autore frongia maurizio

    Il lago artificiale dell'Omodeo è stato re

  • Centro agricolo del Goceano, Botti

  • Ghilarza, Chiesa di San Palmerio

    Ghilarza sorge sul vasto

  • Nuraghe Zuras - Abbasanta

    Abbasanta sorge sull'omon

  • Vista sul Lago Omodeo

    Tadasuni è un piccolo bor

  • Bonorva, fonte sacra Su Lumarzu

    Il paese di Bonorva, svil

  • Bidonì, chiesa di Santa Maria di Ossolo

    Il piccolo comune sorge nei pressi del Lag

  • Semestene, chiesa di San Nicola di Trullas

    Il paese di Semestene è s

  • Albero monumentale della foresta demaniale monte Pisanu - Autore Saba Alessio

    L'Area Protetta di Sos Nibberos si estende

  • Quercia, Sindia

    Sindia è un piccolo paese situato nel terr

  • Sorradile, chiesa di San Sebastiano

    Su un dolce declivio che guarda verso la v

  • Orotelli, Spighe di Grano

    Orotelli si trova al centro della Sardegna

  • foresta di monte pisanu

    Come Forest'Anela e Fiorentini, anche Mont

  • Nughedu Santa Vittoria, la chiesa gotico-catalana di San Giacomo

    Il piccolo paese di Nughedu Santa

  • Ardauli, chiesa della Madonna della Guardia

    Piccolo borgo agricolo del Barigadu,

  • Cossoine,  un murales del centro

    Il piccolo borgo sorge nel cuore di un alt

  • Giave, nuraghe Oes

    Il paese sorge sulla sommità di un altopia

  • I sistemi montuosi della Sardegna, così co

  • Nei comuni di Anela, Bono e Bultei ricade

  • Pozzomaggiore, sede della Banca di Sassari

    Pozzomaggiore è situata nell’altopiano del

  • Paulilatino, Pozzo sacro di Santa Cristina

    Il nome di Paulilatino molto probabilmente

  • Neoneli, Rilievo montuoso

    Neoneli sorge nelle verdi colline del Bari

  • Santu Lussurgiu, Scorcio della chiesa di San Leonardo

    Santu Lussurgiu è un cent

  • Oniferi, di origine medievale, si affaccia

  • Sarule, Monte Gonare

    Sarule è situato ai piedi del monte Gonare

  • Olzai, Abito Tradizionale

    Olzai è un antico borgo i

  • Padria, veduta della chiesa di Santa Giulia

    Protetto ad ovest dai tre colli denominati

  • Orani, Opera di Nivola

    Orani è situata nel cuore della Barbagia,

  • Bultei, chiesa di San Saturnino

    Antico centro agro-pastorale situato ai ma

  • cascata sos molinos santulussurgiu

    Sono piccole cascate formate dal Rio Molin

  • Ulà Tirso, Tramonto sul lago Omodeo

    Ulà Tirso è un piccolo paese agricolo sort

  • Mara, santuario di Nostra Signora di Bonuighinu

    Mara è un piccolo paese del Meilogu, situa

  • Sagama, chiesa di San Gabriele Arcangelo

    Sagama si trova su una collina calcarea so

Itinerari

Il sito di Aquae Lesitane in una mappa del 1522
No votes yet
Bitti - complesso di Romanzesu
Average: 1 (1 voto)
Alghero, Villa Las Tronas
No votes yet
Maestro di Castelsardo, particolare del retablo di Tuili
Average: 1.3 (4 voti)
Dorgali, veduta aerea spiaggia di Cala Luna
Average: 1.5 (2 voti)
Turri parrocchia S. Sebastiano
Average: 3 (1 voto)