Lingue

Inizia qui il tuo viaggio

Inserisci il nome del porto o la località da cui desideri partire per pianificare il tuo viaggio

Accesso utente

Or log in with...

Terme di Forum Traiani

Terme di Forum Traiani

Fordongianus, terme

Da Oristano si percorre la SP 55 per Silì e si prosegue sulla SS 388 in direzione di Simaxis e Ollastra. Si continua fino a Fordongianus. Dal centro del paese si prende la via delle terme fino a raggiungere l'area archeologica.

Il contesto ambientale
Le terme sono nell'alto Oristanese, sulla riva s. del Tirso.

Descrizione
Il complesso termale, tra i più importanti della Sardegna, gravita sul sito urbano di "Forum Traiani" (da cui il nome Fordongianus). L'abitato, di fondazione tardorepubblicana, fu costituito da Traiano come centro di mercato tra le comunità dell'interno e le popolazioni romanizzate dell'entroterra del golfo di Oristano. Entro l'inizio del IV sec. d.C. fu probabilmente elevato al rango di "municipium".
Le terme, le antiche "Aquae Ypsitanae", si dispongono su vari livelli e sono composte da due stabilimenti: il primo, a N, del I sec. d.C.; il secondo, a S, del III sec. d.C.
Il primo stabilimento sfruttava le acque che ancora oggi sgorgano alla temperatura di 54 °C dallo strato alluvionale soprastante il banco vulcanico. Le acque vennero imbrigliate mediante un muro in opera cementizia con duplice paramento in blocchi squadrati di vulcanite, spesso m 3,5, che fungeva anche da argine alle piene del Tirso.
La struttura originaria dello stabilimento doveva essere in "opus quadratum", ossia in grossi blocchi di pietra squadrati; in seguito subì vari rimaneggiamenti. Al centro dello stabilimento si trova la "natatio", un'ampia piscina rettangolare (m 13 x 6,5; profondità m 1,5) per balneazioni tiepide (l'acqua calda termale veniva stemperata adducendo acqua fredda da serbatoi situati a monte). La piscina era coperta con volta a botte. I lati S e N erano originariamente porticati; residua il portico S con pilastri a sezione quadrata in blocchi di vulcanite e volta a botte in opera cementizia rinforzata da anelli di blocchi vulcanici cuneati. Lucernai quadrati ne assicuravano l'illuminazione. Sul lato N della "natatio" furono realizzate tre vasche quadrangolari, mentre sul lato E è presente un edificio rettangolare con nicchie sui lati lunghi; una di queste ha restituito un altare consacrato alle ninfe da Servato, liberto dell'imperatore e procuratore delle miniere e dei latifondi imperiali, per la guarigione di Quinto Bebio Modesto, governatore della Sardegna vicino agli imperatori Caracalla e Geta (211-212 d.C.).
Il secondo stabilimento, a S, occupa un'area rettangolare (m 30 x 12) le cui strutture in "opus quadratum" sono probabilmente una parte incorporata del primo stabilimento. Realizzato in "opus vittatum mixtum", aveva verosimilmente l'ingresso originario prospettante sulla piazza lastricata a S. Dall'ingresso si accedeva allo spogliatoio ("apodyterium"), al "frigidarium" (ambiente rettangolare con due vasche), al "tepidarium" (ambiente rettangolare), e al "calidarium" (ambiente con vascone rettangolare). Al contrario del primo, il riscaldamento delle acque del secondo stabilimento era artificiale L'approvvigionamento dell'acqua veniva assicurato, per mezzo di una efficiente rete di canalizzazione, da un sistema di pozzi e cisterne in parte alimentate dall'acquedotto romano.
Il raccordo tra i due stabilimenti veniva assicurato da una scalinata che si affacciava sul portico della "natatio".
Il piazzale retrostante, lastricato in vulcanite, ha forma trapezoidale (m 25 x 30 x 25). Sul lato orientale prospetta un edificio a "L", in "opus vittatum mixtum", con cinque vani e due ambienti rettangolari; uno di questi è affrescato con motivi a candelabri e grifoni, databili al 200 d.C. L'edificio potrebbe essere un "hospitium" legato agli ambienti termali.

Area archeologica delle terme di Forum Traiani

Vedi la pianta e le sezioni del monumento

Aggiungi a itinerario
add_to_x_block: 

In prossimità

  • Fordongianus, casa aragonese

    Nel territorio del Barigadu, distesa sulla

  • Panoramica di Busachi

    Antico capoluogo della curatoria medievale

  • Siapiccia, parrocchiale di San Nicola di Bari

    Nel Campidano di Oristano, in un territori

  • Zerfaliu, chiesa di San Giovanni Battista

    Il paese di Zerfaliu sorg

  • Ulà Tirso, Tramonto sul lago Omodeo

    Ulà Tirso è un piccolo paese agricolo sort

  • Paulilatino, Pozzo sacro di Santa Cristina

    Il nome di Paulilatino molto probabilmente

  • Piccolo centro agricolo, sorge sui primi r

  • Simaxis, chiesa di San Nicola di Mira

    Sulla riva sinistra del rio Sant'Elena, af

  • Titolo: Solarussa, chiesa di San Gregorio Autore: Tore Donatello

    Solarussa è un conosciuto

  • Samugheo, La tessitura

    Samugheo sorge nel cuore delle colline Man

  • Ruinas, antica abitazione

    Situata nell'Alta Marmilla, Ruinas

  • Ardauli, chiesa della Madonna della Guardia

    Piccolo borgo agricolo del Barigadu,

  • Tramatza, il ponte sul fiume Cispiri

    Situato ai confini della pianura di Orista

  • Vista sul Lago Omodeo

    Tadasuni è un piccolo bor

  • Neoneli, Rilievo montuoso

    Neoneli sorge nelle verdi colline del Bari

  • Ghilarza, Chiesa di San Palmerio

    Ghilarza sorge sul vasto

  • Nuraghe Zuras - Abbasanta

    Abbasanta sorge sull'omon

  • Norbello, monumento ai caduti

    Borgo agro-pastorale posto sull'altopiano

  • Milis, Piazza e Campanile di San Sebastiano

    Milis è un antico borgo agricolo che sorge

  • Siamaggiore, Chiesa campestre di San Ciriaco

    Siamaggiore, comune della

  • Ortueri, Chiesa di San Nicola

    Ortueri è un borgo di origine medievale ma

  • Panorama sul territorio

    Nei pressi del lago Omodeo, l'invaso artif

  • Sorradile, chiesa di San Sebastiano

    Su un dolce declivio che guarda verso la v

  • veduta lago omodeo autore frongia maurizio

    Il lago artificiale dell'Omodeo è stato re

  • Nughedu Santa Vittoria, la chiesa gotico-catalana di San Giacomo

    Il piccolo paese di Nughedu Santa

  • Bidonì, chiesa di Santa Maria di Ossolo

    Il piccolo comune sorge nei pressi del Lag

  • Bonarcado, Santuario della Madonna di Bonaccattu

    Bonarcado sorge ai piedi del Montiferru, u

  • San Vero Milis, Torre aragonese di Capo Mannu

    San Vero Milis è situato a ridosso della c

  • Zeddiani, Chiesa della Madonna delle Grazie

    Zeddiani è un piccolo paese abitato fin da

  • Il paese di Asuni si adag

  • Seneghe, Olio

    Seneghe è immersa nei fitti e verdeggianti

  • cascata sos molinos santulussurgiu

    Sono piccole cascate formate dal Rio Molin

  • Aidomaggiore, Nuraghe Caddari

    Aidomaggiore è un antico borgo agro-pastor

  • Narbolia, Chiesa di San Pietro

    Narbolia sorge ai piedi dei monti di Santu

  • Santu Lussurgiu, Scorcio della chiesa di San Leonardo

    Santu Lussurgiu è un cent

  • Usellus, panorama del paese

    In un territorio in buona parte collinare

  • Santa Giusta, chiesa di Santa Giusta

    Santa Giusta, adagiata su

  • Sedilo, Ardia

    Sedilo, situato sull’altopiano di Abbasant

  • Monte Arci

    Il Monte Arci è un massiccio isolato di na

  • Riola Sardo, Parco dei Suoni

    Il centro agricolo di Riola Sardo è situat

  • Pau

    Si trova nel territorio storico della Marm

  • Nurachi, giardini pubblici

    Paese di origine antichissima, si trova ne

  • Assolo, panoramica del paese

    Piccolo borgo rurale ai piedi della Giara

  • Delizioso borgo di origine medievale, Atza

  • Meana Sardo, Nuraghe Nolza

    Meana Sardo, importante c

  • Monte Ferru, esemplari di mufloni

    Il Monte Ferru rappresenta la più ampia fo

  • Nureci, casa Tetti

    Borgo piccolo e suggestivo si adagia sulle

  • Museo del Pane, Borore

    Borore si trova ai piedi

  • Albagiara, casa museo

    Piccolo paese dell'Alta Marmilla (297 abit

  • Sinis, isola di Mal di Ventre

    L'isola di Mal di Ventre conquistò nell'Ot

Itinerari

Turri parrocchia S. Sebastiano
Average: 3 (2 voti)
Maestro di Castelsardo, particolare del retablo di Tuili
Average: 1.3 (4 voti)
Il sito di Aquae Lesitane in una mappa del 1522
No votes yet
Ilbono, area archeologica di Scerì
Average: 1 (2 voti)
Lanusei, Chiesa di Santa Maria Maddalena
No votes yet
Arbus, marina di Scivu
No votes yet