Lingue

Inizia qui il tuo viaggio

Inserisci il nome del porto o la località da cui desideri partire per pianificare il tuo viaggio

Accesso utente

Or log in with...

Necropoli di Campu Maiore

Necropoli di Campu Maiore

Immagine non disponibile

Busachi è raggiungibile da Oristano percorrendo per circa 23 chilometri la SS 388. La necropoli ipogeica di Campu Maiore è ubicata a margine dell'omonimo rione meridionale del moderno abitato di Busachi. Quasi tutte le tombe sono accessibili attraverso i cortili retrostanti le numerose abitazioni poste in fila lungo il largo Cavour.

Il contesto ambientale
Le tombe sono scavate lungo il costone nord-occidentale del piccolo tavolato trachitico di Tungòri-Corte 'e jana, nel Barigadu, regione della Sardegna centrale.

Descrizione
La necropoli comprende 24 domus de janas; due di esse, le tombe XVIII e XIX, sono fortemente rimaneggiate. Pedarole e gradini scavati nella parete rocciosa agevolano l’accesso alle sepolture. Gli ingressi degli ipogei, rivolti verso S/SE, situati a diverse altezze dal piano di campagna e su piani sovrapposti, sono preceduti, in genere, da un breve padiglione d’accesso o, più raramente, da un "dromos". La parete d’ingresso della tomba V presenta - al di sopra del portello - un solco ad angolo acuto, forse la rappresentazione delle falde di un tetto a doppio spiovente. Le grotticelle sono prevalentemente pluricellulari, anche se il numero dei vani non è molto elevato. Lo schema planimetrico, rilevabile solo in parte in alcuni ipogei a causa del cattivo stato di conservazione, è quasi sempre a proiezione longitudinale, con padiglione d'accesso, anticella e cella principale arricchita, talvolta, da uno o più ampliamenti laterali. Le celle presentano piante circolari, sub-circolari, rettangolari, trapezoidali e pareti verticali o leggermente concave. I soffitti sono generalmente piani e più raramente concavi. Nelle anticelle delle tombe II, V, VII, XX, XXI è riprodotto un tetto ad unico spiovente. I portelli, molti dei quali danneggiati per processi naturali e, soprattutto, per opera dell’uomo, hanno generalmente forma rettangolare e trapezoidale. Sono spesso riquadrati (soprattutto i portelli d'ingresso interni) mediante cornici in rilievo. Lettucci funerari si osservano nelle tombe VII, VIII, XIV, XVIII, XX. Setti divisori, disposti in genere nella cella principale, sono presenti, invece, nelle domus XIV, XVIII, XX.
In altre tombe (III, IV, VI, XV, XX) compaiono piccole nicchie per le offerte. Sono presenti anche fossette votive, prevalentemente scavate nel pavimento dell'anticella (tombe V, VI, XIV, XIX). Tracce di pittura rossa, simbolo del sangue e della rigenerazione, sono presenti nelle tombe II, X, XIII, XV, XVI, VI, VIII. Fra tutte le domus si segnala la tomba IX, che presenta - all'interno della camera principale - la riproduzione di una "falsa porta" associata a corna taurine; ai lati si osservano due riquadri ottenuti attraverso una leggera incisione. Poco sotto la linea del soffitto è presente una banda rettangolare che pare interrompersi in corrispondenza della falsa porta. Nella tomba XII, all'interno della cella maggiore, nella parte mediana della parete di fondo, una serie di piccoli triangoli equilateri, resi tramite pittura rossa, si uniscono a comporre una banda orizzontale. La necropoli risale al Neolitico finale (cultura di Ozieri, 3200-2800 a.C.) e all'Eneolitico.

Storia degli scavi
La necropoli è studiata a partire dagli ultimi decenni del secolo scorso.

Bibliografia
A.M. Cossu, "La necropoli di Campu Maiore, Busachi (Oristano)", in [i]La cultura di Ozieri. La Sardegna e il Mediterraneo nel IV e III millennio a.C.[/i], Atti del II Convegno di studi (Ozieri 15-17 ottobre 1990), a cura di L. Campus, Ozieri, Il Torchietto, 1997, pp. 307-313, figg. 1-3;
G. Bacco, "La necropoli ipogeica di Campumajore – Busachi (OR)", in [i]Atti del Congresso Internazionale L’ipogeismo nel Mediterraneo: origini, sviluppo, quadri culturali[/i] (Sassari-Oristano, 23-28 maggio 1994), II, Muros, Stampacolor, 2000, pp. 971-978, figg. 1-4.

Aggiungi a itinerario
add_to_x_block: 

In prossimità

  • Panoramica di Busachi

    Antico capoluogo della curatoria medievale

  • Ulà Tirso, Tramonto sul lago Omodeo

    Ulà Tirso è un piccolo paese agricolo sort

  • Neoneli, Rilievo montuoso

    Neoneli sorge nelle verdi colline del Bari

  • Ardauli, chiesa della Madonna della Guardia

    Piccolo borgo agricolo del Barigadu,

  • Ortueri, Chiesa di San Nicola

    Ortueri è un borgo di origine medievale ma

  • Fordongianus, casa aragonese

    Nel territorio del Barigadu, distesa sulla

  • Sorradile, chiesa di San Sebastiano

    Su un dolce declivio che guarda verso la v

  • Nughedu Santa Vittoria, la chiesa gotico-catalana di San Giacomo

    Il piccolo paese di Nughedu Santa

  • Vista sul Lago Omodeo

    Tadasuni è un piccolo bor

  • Bidonì, chiesa di Santa Maria di Ossolo

    Il piccolo comune sorge nei pressi del Lag

  • Samugheo, La tessitura

    Samugheo sorge nel cuore delle colline Man

  • veduta lago omodeo autore frongia maurizio

    Il lago artificiale dell'Omodeo è stato re

  • Panorama sul territorio

    Nei pressi del lago Omodeo, l'invaso artif

  • Ghilarza, Chiesa di San Palmerio

    Ghilarza sorge sul vasto

  • Nuraghe Zuras - Abbasanta

    Abbasanta sorge sull'omon

  • Paulilatino, Pozzo sacro di Santa Cristina

    Il nome di Paulilatino molto probabilmente

  • Norbello, monumento ai caduti

    Borgo agro-pastorale posto sull'altopiano

  • Ruinas, antica abitazione

    Situata nell'Alta Marmilla, Ruinas

  • Sedilo, Ardia

    Sedilo, situato sull’altopiano di Abbasant

  • Siapiccia, parrocchiale di San Nicola di Bari

    Nel Campidano di Oristano, in un territori

  • Aidomaggiore, Nuraghe Caddari

    Aidomaggiore è un antico borgo agro-pastor

  • Delizioso borgo di origine medievale, Atza

  • Austis, Sa Crabarissa

    Austis è immersa nelle montagne del Mandro

  • Zerfaliu, chiesa di San Giovanni Battista

    Il paese di Zerfaliu sorg

  • Sorgono, santuario campestre di San Marco

    Sorgono è stato il capoluogo del Mandrolis

  • Meana Sardo, Nuraghe Nolza

    Meana Sardo, importante c

  • Il paese di Asuni si adag

  • Piccolo centro agricolo, sorge sui primi r

  • Simaxis, chiesa di San Nicola di Mira

    Sulla riva sinistra del rio Sant'Elena, af

  • Titolo: Solarussa, chiesa di San Gregorio Autore: Tore Donatello

    Solarussa è un conosciuto

  • Teti, panoramica del lago di Cucchinadorza

    Il paese di Teti si trova in posizione pan

  • Tramatza, il ponte sul fiume Cispiri

    Situato ai confini della pianura di Orista

  • Bonarcado, Santuario della Madonna di Bonaccattu

    Bonarcado sorge ai piedi del Montiferru, u

  • La foresta di Uatzo si trova nel territori

  • Museo del Pane, Borore

    Borore si trova ai piedi

  • Milis, Piazza e Campanile di San Sebastiano

    Milis è un antico borgo agricolo che sorge

  • Tiana, caratteristico ingresso di una vecchia casa

    Disteso sulle pendici orientali del Gennar

  • Dualchi, murale nel centro storico

    Il paese di Dualchi è sit

  • cascata sos molinos santulussurgiu

    Sono piccole cascate formate dal Rio Molin

  • Ovodda, Sas Fruttinas

    Ovodda sorge nel cuore della Barbagia di O

  • Santu Lussurgiu, Scorcio della chiesa di San Leonardo

    Santu Lussurgiu è un cent

  • Siamaggiore, Chiesa campestre di San Ciriaco

    Siamaggiore, comune della

  • Tonara, Campanacci

    Tonara si trova ai piedi del Monte Mungian

  • Laconi, Castello di Aymerich

    Laconi è situata nell’altopiano del Sarcid

  • Suggestivo scorcio della cascata all'interno del Parco

    Il Parco Aymerich è un parco urbano che si

  • Nureci, casa Tetti

    Borgo piccolo e suggestivo si adagia sulle

  • Seneghe, Olio

    Seneghe è immersa nei fitti e verdeggianti

  • Assolo, panoramica del paese

    Piccolo borgo rurale ai piedi della Giara

  • Usellus, panorama del paese

    In un territorio in buona parte collinare

  • San Vero Milis, Torre aragonese di Capo Mannu

    San Vero Milis è situato a ridosso della c

Itinerari

Maestro di Castelsardo, particolare del retablo di Tuili
Average: 1.3 (4 voti)
Turri parrocchia S. Sebastiano
Average: 3 (1 voto)
Il sito di Aquae Lesitane in una mappa del 1522
No votes yet
Ilbono, area archeologica di Scerì
Average: 1 (2 voti)
Lanusei, Chiesa di Santa Maria Maddalena
No votes yet
Dorgali, veduta aerea spiaggia di Cala Luna
Average: 1.5 (2 voti)