Lingue

Inizia qui il tuo viaggio

Inserisci il nome del porto o la località da cui desideri partire per pianificare il tuo viaggio

Accesso utente

Or log in with...

Necropoli di S'Acqua Salida e di Corongiu

Necropoli di S'Acqua Salida e di Corongiu

Pimentel, domus de janas di S'Acqua Salida

Imboccata dalla SS 131 la 128 e percorsi 10 km, si imbocca la SP 66 bis. Dopo 6 km si raggiunge Pimentel. Dalla piazza del paese si imbocca la strada comunale per Guasila che porta alla necropoli di Corongiu (svoltando alla prima carrareccia sulla s. e proseguendo per 1 km) e alla necropoli di S'Acqua Salida (svoltando alla quarta carrareccia sulla s. e proseguendo per 150 m).

Il contesto ambientale
La necropoli è ubicata su brevi rialzi di arenaria quaternaria, nel paesaggio dolcemente ondulato della Trexenta.

Descrizione
È articolata in due aree poste a m 150 di distanza: la prima è costituita da domus de janas del tipo a proiezione orizzontale e a pozzetto (1, 2, 3, 4), l'altra da domus a pozzetto (5, 6, 7).
Particolarmente notevole la tomba 1, risultato di diverse fasi costruttive: originariamente del tipo a pozzetto con anticella e grande cella, poi dotata di un lungo corridoio d'accesso al posto del pozzetto ed ampliata sulla destra della grande cella, annettendo tre camerette sepolcrali di una confinante sepoltura. L'anticella ha il riquadro dipinto in ocra rossa. L'ingresso è volto a SO.
La tomba 2 è costituita da un pozzetto d'accesso e da una cella rettangolare il cui soffitto, parzialmente crollato, era originariamente sorretto da due pilastri. Sul pavimento è presente una vasca dove sono ricavate delle coppelle. La parete opposta all'ingresso presenta un ornato dipinto in ocra rossa: due protomi taurine con schema a T entro un riquadro rettangolare. Il colore rosso e la protome taurina sono i segni più comuni della religiosità neolitica sarda.
La tomba 4 è articolata in un corridoio d'accesso, un'anticella e una cella. L'ingresso è orientato ad E. La cella, circolare, riproduce lo schema della capanna: lo dimostrano i particolari delle pareti e del soffitto dove corrono larghe fasce in rilievo simulanti il tetto e il relativo impianto ligneo di sostegno.
Prossima al primo gruppo di tombe è un'area sacra con focolare e coppelle probabilmente destinata ai rituali funebri che precedevano la tumulazione.
Le domus 5, 6, 7 sono del tipo a pozzetto con anticella e cella. La cella della tomba 6 presenta una nicchia rettangolare decorata con ocra rossa, un bancone sepolcrale ed un pilastro. Altre coppelle sono incise nella roccia sovrastante il secondo gruppo di tombe.
La necropoli viene datata al Neolitico finale (cultura di San Michele, 3200-2800 a.C.), ma non mancano attestazioni di un riuso durante il Bronzo antico (cultura di Bonnanaro, 1800-1600 a.C.).
Risale al Neolitico finale anche la domus più famosa della vicina necropoli di Corongiu. Violata da tempi immemorabili, è costituita da un pozzetto d'accesso, un'anticella e una cella. La parete d'accesso alla cella, sopra e ai lati del portello, mostra un interessantissimo ornato simbolico inciso e sottolineato in rosso. La fascia superiore è decorata al centro da un elemento verticale che si apre superiormente in due spirali: il naso e gli occhi della dea madre, secondo l'interpretazione degli studiosi. Ai lati in basso una linea a zigzag è limitata a destra da una spirale e a sinistra da due doppi cerchi. In alto, ai lati della doppia spirale od occhi della dea, sono rappresentati due motivi "a barca" con terminazioni a spirale. Due lunghi elementi verticali che si aprono superiormente e inferiormente in due spirali decorano le pareti ai lati del portello.

Storia degli scavi
Il sito è stato oggetto di indagine archeologica condotta da Emerenziana Usai.

Bibliografia
E. Usai, "La cultura Ozieri a Pimentel e a Siddi", in [i]La cultura di Ozieri: problematiche e nuove acquisizioni. Atti del I convegno di studio[/i], Ozieri, Il Torchietto, 1988, pp. 217-222;
E. Usai, "Pimentel (Cagliari) Loc. S'Acqua Salida", in [i]I Sardi. La Sardegna dal paleolitico all'età romana[/i], a cura di E. Anati, Milano, Jaca Book, 1984, pp. 113-118.

Aggiungi a itinerario
add_to_x_block: 

In prossimità

  • Panoramica di Pimentel

    Il paese di Pimentel, in

  • Samatzai, piazza Primo Maggio

    Samatzai è situato ai mar

  • Panoramica di Barrali

    Il paese si trova ai piedi del Monte Uda,

  • Ortacesus, Mitza de Siddi, necropoli punico romana

    Il territorio di Ortacesus si trova in una

  • Serrenti, chiesa di Maria Immacolata

    Serrenti è un paese posiz

  • Guasila, chiesa della Vergine

    Il comune di Guasila appartiene al territo

  • Senorbì, chiesa di Santa Maria di Segolai

    Senorbì è al centro della Trexenta, di cui

  • Guamaggiore, Chiesa di San Sebastiano martire

    Guamaggiore sorge nelle distese colline de

  • Selegas, centro storico

    Selegas è un paese situato nella parte cen

  • Panoramica di Donori

    Il paese, il cui toponimo è d'incerta orig

  • Sant'Andrea Frius, panorama del paese

    Ubicato nella regione storica della Trexen

  • Suelli, nuraghe Piscu

    Il territorio del comune di Suelli

  • Panoramica di San Basilio

    San Basilio è situato all

  • Samassi, veduta della parrocchiale della Beata Vergine di Monserrato

    Il paese sorge nella pianura del Campidano

  • Panoramica di Gesico

    Piccolo centro della Trexenta, territorio

  • Serramanna, vecchio edificio municipale e chiesetta di San Sebastiano

    Serramanna sorge nella pianura del Campida

  • Panorama sul lago Mulargia Autore: Ruiu Domenico

    Il territorio di Siurgus Donigala

  • Chiesa di Santa Maria di Sibiola, Serdiana

    Serdiana sorge nel Parteolla a pochi chilo

  • San Sperate, chiesa parrocchiale

    San Sperate è un piccolo

  • Villamar, chiesa di San Pietro

    Il paese, situato tra la Marmilla e la Tre

  • Dolianova, la cattedrale di San Pantaleo

    Dolianova è una cittadina

  • Villanovafranca, nuraghe di Su Mulinu

    Il paese di Villanovafranca si dispone in

  • Mandas, chiesa di San Giacomo

    Mandas è un importante ce

  • Panoramica del paese di Soleminis

    Situato a circa 20 km da Cagliari, il paes

  • Silius, panoramica del paese

    Il paese sorge in provincia di Cagliari, a

  • Panorama sul lago Mulargia

    Il lago artificiale Mulargia è uno specchi

  • Goni, allineamento di mehir nella necropoli di Pranu Mutteddu

    Goni è circondata dall'anello naturalistic

  • Sullo sfondo il castello di Las Plassas

    Il paese, che sorge in Marmilla e fa parte

  • Sestu, Chiesa di San Giorgio

    Sestu si trova nella pianura del basso cam

  • Lunamatrona, cupola della chiesa di San Giovanni Battista

    Il paese, situato a un'altitudine di 180 m

  • foresta demaniale campidano sinnai

    La Foresta Demaniale Campidano si estende

  • Villanovaforru, complesso nuragico Genna Maria

    Villanovaforru si trova al centro del sist

  • Gergei, chiesa di San Vito

    Piccolo centro agricolo della Trexenta, co

  • Escolca, scorcio del centro storico

    Piccolo centro del Sarcidano, Esco

  • Assemini, interno della chiesa di San Pietro

    Il paese di Assemini si s

  • Barumini, Su Nuraxi al tramonto

    Barumini è situato ai pie

  • San Gavino Monreale, chiesa di Santa Chiara

    San Gavino Monreale è una

  • Serri, area archeologica di Santa Vittoria

    Serri è un centro agricol

  • Siddi, Chiesa di San Michele

    Siddi si presenta come un

  • Sinnai, Panorama

    Sinnai è situata nel versante orientale de

  • Uta, chiesa romanica di Santa Maria
    Uta

    Uta è un centro di interessanti valori sto

  • Sardara, Villa Diana

    Al centro della fertile pianura del Campid

  • Settimo San Pietro, chiesa di San Pietro

    Il comune di Settimo San Pietro sorge su u

  • Nuraghe Concali - Collinas

    Collinas sorge nel territorio della Marmil

  • Elmas, chiesetta campestre di Santa Caterina

    Il paese di Elmas, situat

  • Maestro di Castelsardo, particolare del retablo di Tuili

    Tuili è un piccolo centro della Sardegna,

  • Turri parrocchia S. Sebastiano

    Turri sorge nel cuore della Marmilla piane

  • Mandorli in fiore ai piedi della Giara di Siddi

    Col termine "giare" si indicano in Sardegn

  • Il comune di Ballao sorge

  • Serri, area archeologica di Santa Vittoria

    Col termine "giare" si indicano in Sardegn

Itinerari

Maestro di Castelsardo, particolare del retablo di Tuili
Average: 1.3 (4 voti)
Turri parrocchia S. Sebastiano
Average: 3 (2 voti)
Dettaglio della facciata
Average: 1.5 (2 voti)
Cagliari, cimitero monumentale di Bonaria
No votes yet
Arbus, marina di Scivu
No votes yet
Le collezioni del Museo
Average: 1 (1 voto)